Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Ozzano: partiti i lavori di abbattimento dei capannoni dell'ex Sinudyne

Il sindaco Luca Lelli: "Ho voluto assistere all'inizio dei lavori di demolizione perché momento importante per la comunità, in particolare per tutti i cittadini che da anni avevano sotto le finestre capannoni fatiscenti"

A Ozzano sono partiti i lavori di abbattimento dei capannoni dell'ex Sinudyne.  "Negli anni '60/'70 - spiega il sindaco Luca Lelli in una  nota - i piani regolatori non seguivano le linee guida in vigore oggi, che prevedono, fra le tante prescrizioni, una netta separazione fra le zone residenziali e quelle dedicate al produttivo. All'epoca i criteri imperanti erano l'accessibilità e la vicinanza ai centri abitati (visto che molti utilizzavano ancora motorini e biciclette come mezzi di trasporto) ed alle vie di comunicazione. Ecco quindi che i capannoni destinati alla produzione e assemblaggio di televisori tutti made in Italy, quelli della Sinudyne appunto, furono realizzati, così come anche quelli di altre fabbriche,  giusto alle porte del paese e sulla via Emilia all'epoca sicuramente la più  importante via di comunicazione della zona. Negli anni però- sottolinea il sindco - il paese è cresciuto e le zone residenziali  hanno raggiunto le vecchie aree produttive. Ad aggravare la situazione in questa zona di primo accesso al paese provenendo da Bologna, vi è stata, nel 2007, la chiusura dell'attività della Sinudyne e, nel giro di poco tempo, il completo abbandono dei capannoni. L'area fu acquisita dalla Futura costruzioni Srl di Bologna ma una serie di mancati accordi in tema urbanistico hanno fatto sì che, fino ad oggi, non fosse loro rilasciato il permesso di costruire". 

Negli anni si sono quindi susseguite molte lamentele da parte dei cittadini residenti nelle vicinanze, prima per il tetto in amianto della vecchia struttura tolto e smaltito, e poi per lo stato di abbandono e incuria in cui versava l'intera zona che portava alla presenza di topi e altri animali infestanti 

"Dopo 14 anni è stato dato il primo colpo di benna per l'abbattimento della vecchia struttura - conclude Lelli - Ho voluto assistere personalmente all'inizio dei lavori di demolizione perché rappresenta un momento importante per la comunità ozzanese, in particolare per tutti quei cittadini che da anni  avevano sotto le loro finestre questi capannoni ormai fatiscenti. Ora la zona verrà interamente bonificata ed avranno inizio i cantieri per la realizzazione  di un supermercato, di due palazzine residenziali, oltre a zone verdi, una pista ciclopendonale  e, cosa molto importante, verrà ridisegnata e migliorata la viabilità sulla via Emilia con la realizzazione di una rotatoria".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ozzano: partiti i lavori di abbattimento dei capannoni dell'ex Sinudyne

BolognaToday è in caricamento