Cronaca

Licenziati via whatsapp, l'azienda: "Si tratta di una riorganizzazione"

Logista e Logistic Time in merito alla chiusura del deposito all’interno dell’Interporto di Bologna

Dal 1° settembre chiude il magazzino di Bologna dell'azienda Logista – multinazionale del tabacco – e sabato sera alle 22, 65 lavoratori in appalto (gli altri 15 sono dipendenti diretti) hanno ricevuto un sms che recitava: "A seguito della riduzione delle attività, nella data di lunedì 2 agosto lei sarà dispensata dalla sua attività lavorativa. Il trattamento economico verrà garantito con gli strumenti previsti di legge. Cordiali Saluti". Firmato Logistic Time Srl. Ovvero l'azienda del consorzio Metra di Pomezia che chiarisce: "A fronte delle modificate esigenze operative è stato inviato anche un messaggio ai lavoratori di turno dispensandoli, sebbene retribuiti, dalla giornata di lavoro lunedì 2 agosto al fine di organizzare le attività del sito, che non si configura come lettera di licenziamento".

Da parte sua Logista Italia spiega in una nota che ha deciso di chiudere il magazzino di Bologna perché le nuove normative di settore richiedono "una sempre maggior dinamicità nei servizi offerti che non possono prescindere da un continuo miglioramento infrastrutturale, organizzativo e tecnologico".  

"È in quest’ottica che Logista Italia – si legge – ha avviato importanti investimenti per la modernizzazione e lo sviluppo della propria rete logistica e dei servizi offerti, adottando soluzioni all’avanguardia e una sempre maggiore attenzione alla sostenibilità. Ciò comporta, tra le altre cose, una riorganizzazione della rete e delle attività operative in siti tecnologicamente sempre più avanzati. La chiusura, che avverrà entro il prossimo 1° settembre, interessa unicamente uno degli otto siti distributivi in Emilia-Romagna, dove dunque resta una forte presenza di Logista Italia".

"Nel deposito in questione – dettaglia l'azienda –  sono impiegati 15 dipendenti di Logista, che sono stati incontrati e informati personalmente da parte dei responsabili di Logista Italia e per i quali sarà avviato un percorso personalizzato di ricollocazione. Comprendiamo i disagi che si presentano in queste occasione ma ci auguriamo che si trovino le soluzioni più adeguate per tutti i lavoratori coinvolti". (Foto presidio lavoratori davanti alla sede della Philip Morris)

Licenziati via whatsapp, la rabbia dei lavoratori: "Vergogna, siamo esseri umani" | VIDEO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Licenziati via whatsapp, l'azienda: "Si tratta di una riorganizzazione"

BolognaToday è in caricamento