Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Linea treni Porrettana, comitato denuncia ancora ritardi: "Alla fine, tutti in auto"

Ancora problemi di circolazione sulla linea ferroviaria che collega Bologna con Porretta

"Nei giorni scorsi abbiamo elencato una serie infinita di pesanti disservizi, che hanno dimostrato l'attuale scarsa affidabilità della linea Porrettana", ma quanto è accaduto ieri (l'altro ieri per chi legge) "sarebbe degno di una puntata di 'Scherzi a parte', se non fosse per i disagi arrecati a lavoratori e studenti costretti a rinunciare ad una giornata di lezioni o giustificare l'ennesimo ritardo al datore di lavoro".

I pendolari della Porrettana continuano così a 'martellare' sui problemi della tratta: ieri hanno contato, tra le 5 e le 8 di mattina, tre treni soppressi, due parzialmente cancellati, tre in ritardo (di 14, 18 e 60 minuti). Più due treni cancellati a Marzabotto. Il Motivo? "Trenitalia-Tper- spiega il portavoce del comitato pendolari, Valerio Giusti- ci ha comunicato che i disservizi sono stati provocati da Rfi che non avrebbe terminato in tempo i lavori di manutenzione notturni".

E così l'altra mattina la strada che costeggia la ferrovia, la SS64 Porrettana, "era satura di genitori che dovevano portare i figli a scuola e di pendolari delusi e arrabbiati che cercavano di arrivare in qualche modo al lavoro".

Una mamma ha scritto questo al comitato pendolari: "Mio figlio era in uno dei treni.Arrivato a Casalecchio era troppo tardi": nel suo istituto "non fanno entrare dopo la seconda ora. È tornato a Vergato: perso un giorno di scuola".

E' la conferma, dice Giusti, di quanto detto mercoledì dopo un'altra serie di disagi: più del treno, conviene prendere l'auto per fare su e giù tra Porretta e Bologna. Nel dire che la macchina è più affidabile del viaggio in treno, non sono state fatte "considerazioni casuali, ma un semplice calcolo delle probabilità". (Mac/ Dire) 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Linea treni Porrettana, comitato denuncia ancora ritardi: "Alla fine, tutti in auto"

BolognaToday è in caricamento