Cronaca Savena / Via Sardegna

Lite per un parcheggio degenera: c'è un fermo per tentato omicidio

L'aggredito trovato ferito al collo e con molto sangue fuorisucito. Poco lontano il suo aggressore. Al tutto avrebbe assistito la famiglia del ferito

I sanitari del 118 lo hanno trovato con gli abiti inzuppati di sangue e una ferita al collo, e hanno chiamato la polizia. Sono gli attimi successivi a una violenta lite in via Sardegna, zona Savena, a quanto risulta per motivi di parcheggio, per la quale un 66enne cittadino italiano con precedenti è stato fermato con l'accusa di tentato omicidio.

Vittima della violenza è stato un 34enne, anche lui cittadino italiano, al momento dell'aggressione in auto con la famiglia. Soccorso dai sanitari e portato in ospedale: le sue ferite non risultano gravi, ma giudicate guaribili in 15 giorni.

Sulla dinamica dell'accaduto stanno ancora conducendo approfondimenti gli agenti del commissariato Bolognina-Pontevecchio. In base a quanto ricostruito fino a ora, sembra che il diverbio tra aggredito e aggressore sia nato appunto da questioni di parcheggio.

L'auto del 34enne sarebbe rimasta in doppia fila per lo scarico di alcuni pacchi e il 66enne, trovato poi poco distante con il suo autocarro, avrebbe incalzato il giovane proprio per questo motivo.

Dalle parole si è passati ale vie di fatto: è stato lo stesso 34enne a guidare gli agenti dall'aggressore, un artigiano, fornendo il numero di targa del mezzo. Nell'autocarro dell'uomo sono stati trovati anche un coltello con lama di 10 cm assieme a due cutter

Il 66enne è stato quindi ammanettato e portato in carcere. Per oggi è prevista l'udienza di convalida del fermo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lite per un parcheggio degenera: c'è un fermo per tentato omicidio

BolognaToday è in caricamento