Litiga con gli agenti per la mascherina, ma si tradisce: addosso droga e contanti

Nella sua abitazione trovate alcune piante di marijuana

Lo hanno redarguito perché non indossava la mascherina in stazione, ma il ragazzo per tutta risposta ha cominciato ad apostrofarli con insulti. E' iniziato così il controllo a un 19enne, cittadino italiano originario della provincia di Como, poi arrestato per spaccio di droga.

Gli agenti, impegnati nel patugliamento, hanno chiesto i documenti al ragazzo, ma per tutta risposta questi ha cominciato a spintonare i poliziotti. Ne è nata una colluttazione, dove alla fine gli operatori hanno avuto al meglio.

Identificato e perquisito, il 19enne è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico, alcune decine di grammi di sostanza stupefacente tipo marijuana oltre a 1.000 euro in contanti.

La perquisizione domiciliare, effettuata da personale della Polizia di Stato della Questura di Como presso la residenza dell’arrestato, ha portato al rinvenimento di tre piante di marijuana ed attrezzatura per la coltivazione indoor della sostanza. L’individuo sarà processato con rito direttissimo nella mattinata odierna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

Torna su
BolognaToday è in caricamento