Cronaca

Presentato il piano organizzativo di Logista: supporto alla ricollocazione, percorsi formativi, incentivi all'esodo

Il vicepresidente Federico Rella: “Abbiamo portato avanti un dialogo costruttivo e concreto con i sindacati, per tutelare i lavoratori e intraprendere un percorso positivo con l’obiettivo di creare un contesto favorevole alla ricollocazione"

Nell’incontro odierno del Tavolo di Salvaguardia della Città Metropolitana, Logista ha presentato le integrazioni al piano di riorganizzazione dell’Emilia Romagna e dell’area di Bologna con dettagliate iniziative volte alla mitigazione dei connessi impatti occupazionali.  Al termine dell’incontro, il vicepresidente di Logista Federico Rella ha spiegato: “In queste settimane abbiamo portato avanti un dialogo costruttivo e concreto con i sindacati, volto a tutelare i lavoratori e intraprendere un percorso positivo con l’obiettivo di creare un contesto favorevole alla ricollocazione dei lavoratori. Siamo convinti che l’impegno di Logista in questo contesto sia un esempio della volontà delle aziende di tenere in forte considerazione gli interessi dei lavoratori. Confidiamo nella collaborazione di tutte le parti in campo per raggiungere positivi risultati a vantaggio di tutti”.  

Richiesti ammortizzatori sociali per 67 dipendenti

"Nel mese di agosto Logista ha attivato tutti i canali per mitigare l’impatto dell’intervento sul sito di Bologna, con l’integrazione salariale ai 67 dipendenti per i quali la società Logistic Time ha richiesto l’attivazione degli ammortizzatori sociali, assicurando il raggiungimento del 100% della retribuzione e comprendendo eccezionalmente nell’integrazione anche premessi e ferie non ancora maturati. Nell’incontro di oggi Logista ha proposto un piano d’azione fondato su tre direttrici finalizzate alla continuità dell’impiego presso altre strutture e l’eventuale supporto allo sviluppo di nuove competenze per tutti i lavoratori diretti e indiretti" fanno sapere dall'impresa.   

"In particolare, per la promozione della ricollocazione, Logista ha definito un accordo con Open Jobs primaria società specializzata volta a ricercare proattivamente e promuovere opportunità di ricollocazione sul territorio bolognese.  Tramite la stessa società è stato proposto un primo piano di corsi di formazione teorico-pratici che potranno essere integrati sulla base delle esigenze formative suggerite dalle parti sindacali, con la finalità di ampliare le competenze tecniche dei lavoratori e facilitare ulteriormente la ricollocazione". 

"Al tavolo, oltre alla disponibilità dell’Interporto a facilitare il reimpiego presso altre aziende dell’area si è aggiunta ed apprezzata anche quella di Confindustria Bologna. Logista ha inoltre ribadito la possibilità di supportare Logistic Time con la messa a disposizione di incentivi all’esodo per chi preferisse aderire a questa soluzione.  A conclusione dell’incontro è stato individuato un percorso volto al raggiungimento, entro il 10 settembre, di un accordo con le parti sociali, sotto l’egida del Tavolo di Salvaguardia, utile alla concretizzazione delle proposte presentate. In accordo con le istituzioni e recependo le istanze sindacali, entro il 30 settembre verrà inoltre approfondita l’eventuale ulteriore attivazione di tutele sociali a favore dei lavoratori coinvolti". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentato il piano organizzativo di Logista: supporto alla ricollocazione, percorsi formativi, incentivi all'esodo

BolognaToday è in caricamento