Coronavirus, stop ambiguità su logistica: l'appello di Cgil, Cisl e Uil

Le sigle sindacali dei traporti perdono la pazienza e tornano a chiedere misure stringenti per la logistica

Foto archivio

"Basta ambiguità sulla logistica. Governo e Regione dicano quali sono i beni essenziali e quali no. È l'ora della responsabilità di tutti, non solo dei lavoratori". I sindacati dei traporti perdono la pazienza e tornano a chiedere misure stringenti per la logistica.

"A distanza di giorni dai provvedimenti di chiusura delle attività produttive in Italia, crediamo sia più che mai necessario che gli estensori di tale provvedimento chiariscano cosa è bene essenziale e cosa non lo è", scandiscono Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti dell'Emilia-Romagna. "Tutti i lavoratori della logistica, dalle attività portuali, al trasporto, alla lavorazione delle merci fino alla consegna a domicilio, sono ben consapevoli di qual è il loro ruolo in questo momento storico per il Paese. Un ruolo importante e determinante che va dalla circolazione dei dispositivi di protezione individuale, all'approvvigionamento dei generi alimentari nei negozi, dal trasporto (seppur ridotto) dei carburanti. Insomma, sono i lavoratori della logistica quelli che stanno letteralmente muovendo il Paese", ricordano i sindacati.

"E allora occorre uscire presto dalla grande ambiguità delle interpretazioni delle norme. E quindi dire subito cosa è essenziale e cosa no. Il senso di responsabilità dei lavoratori della logistica è indubbio, chiediamo lo stesso sforzo anche alla politica e a tutte la autorità competenti", ammoniscono.

"Gli ispettori sul territorio servono, eccome. Ma servono a definire una volta per tutte cosa si intende per beni essenziali, e quindi quali attività sono consentite, o solamente per certificare che le aziende della filiera logistica possono andare avanti a prescindere, semplicemente chiedendo la deroga? Pensiamo ai sindaci che hanno preso le distanze dalla circolare che tollerava le uscite per i più piccoli", fanno notare.

"Un giusto richiamo, ma oltre a quella dei figli va tutelata anche la salute dei genitori, a maggiore ragione se questi lavorano in filiere tutt'oggi operative, come quella della logistica. Questi lavoratori si trovano a contatto con altri colleghi o cittadini per la movimentazione e la consegna di televisori da 60 pollici, bici, costumi da bagno, piumini, jeans, magliette, mutande e calzini, mobili e telefonini. E tutto questo va bene?", chiedono. "Ad aggravare la situazione, la notizia che ci arriva dai territori di settori importanti, come la ceramica e la meccanica, che hanno cessato la loro attività per effetto degli ultimi decreti, continuando però le attività di spedizione attraverso l'utilizzo dei lavoratori della logistica, riguardo a beni e prodotti ancora fermi nei piazzali, attivita' che invece dovrebbe essere in questa fase ferma", denunciano Fil, Fit e Uiltrasporti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il nostro appello è quindi rivolto ai sindaci, alle aziende, ai prefetti, alle Asl: bisogna subito intervenire senza ambiguità sulla logistica. Non farlo, sarebbe come dire che si possono riaprire tutte le attività. Tutto questo però non sta avvenendo, forse perché il consumismo on line ha raggiunto dimensioni economiche, a vantaggio delle multinazionali", concludono. (Dire)

Farmaci e spesa a casa, aiuti alimentari, supporto anziani e persone fragili: servizi attivi e numeri utili

Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 4 aprile: 608 nuovi contagi, altri 75 morti

Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 4 aprile: i dati comune per comune

Covid-19, Pubblica Assistenza in prima linea: "C’è gente che nasconde i sintomi per paura"

Coronavirus, riaprono mercati rionali e anche quattro mercati contadini recintati

Infermiera reparto Covid: "Non chiamateci eroi, ma ricordatevi di quello che facciamo anche quando tutto finirà"

Coronavirus, l'appello di Merola: "Troppa gente in giro, non va bene. Non è ancora finita"

Coronavirus, l'Istituto Cattaneo: "In Emilia-Romagna ci sono molti più morti"

Coronavirus, nuova ordinanza: fine zona rossa a Medicina

Malati di tumore, il Covid non ferma Ant: "Aumento di richieste, noi alleggeriamo la sanità pubblica" 

Coronavirus, ecco i buoni spesa del Comune: da 150 e 600 euro, si richiedono dal 2 aprile

Coronavirus, nel reparto di terapia intensiva del Sant'Orsola: "L'emergenza continua" | VIDEO

Coronavirus, bimbo nato da mamma positiva. Intervista al neonatologo Fabrizio Sandri

Coronavirus, studio all'Alma mater: "La luce in fondo al tunnel forse dopo Pasqua"

VIDEO | Cure casa per casa: "Il piano funziona, se avete febbre aspettateci" 

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

Mappa interattiva coronavirus: casi, incidenza per provincia, dati terapia intensiva

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento