Caos Gatwick: cento passeggeri al Marconi non trovano i bagagli

Lo scalo londinese è rimasto chiuso per oltre 24 ore a causa della presenza di droni. A farne le spese anche i passeggeri del volo Ryanair

Droni nella zona di atterraggio all'aeroporto di Gatwick, a Londra, il 21 dicembre. Lo scalo è rimasto chiuso per oltre 24 ore. A farne le spese anche i passeggieri diretti a Bologna da Stansed, aeroporto secondario che ha dovuto smaltire file e ritardi. Sta di fatto che un centinaio di persone che avevavo imbarcato i bagagli su un volo Ryanair, all'arrivo non hanno trovato nulla sul nastro trasportatore. L'aereo è partito con la stiva vuota, quindi le valige sono rimaste nella capitale britannica. 

"La nostra pista è aperta e miriamo a eseguire un programma completo questo fine settimana - si legge sul sito dell'aeroporto  che prevede anche - alcuni ritardi e cancellazioni - consigliando di verificare con la propria compagnia aerea prima di recarsi in aeroporto". Un black-out che ha fermato 120mila persone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento