Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si accendono le luci sul Canale di Reno: ecco l'installazione permanente | VIDEO

Il progetto di Canali di Bologna è stato realizzato grazie ai contributi dei bolognesi

 

Il Canale di Reno, nel tratto visibile dagli affacci tra via Malcontenti e via Oberdan, è illuminato. È stata inaugurata oggi l'installazione permanente curata dall’architetta Giordana Arcesilai, realizzato dalla ditta Elettro-Z e con il patrocinio del Comune di Bologna.

Si accende così un’area simbolica della Bologna città d’acque: i tratti fra le vie Augusto Righi e Bertiera, l’altro fra le vie Alessandrini e Capo di Lucca, sono gli unici testimoni rimasti di un paesaggio urbano scomparso. Carlo De Angelis – Presidente del Consorzio Canale Reno – insieme agli Assessori comunali Matteo Lepore e Valentina Orioli hanno acceso l’illuminazione del canale che in questo modo, ogni sera fino al mattino, sarà visibile ai cittadini e ai turisti anche dalla rinomata Finestrella di via Piella.

Il progetto

Dal punto di vista tecnico il progetto d’illuminazione propone un intervento non invasivo, che rispetta il luogo; un intervento quasi pittorico, a bassa intensità di luce, che si avvale del potere riflettente dell'acqua e distribuisce morbide e rade pennellate sul canale nella direzione della corrente, creando un lieve riflesso e movimento di ombre sulla parte bassa delle facciate prospicienti. Inoltre, per ricordare gli antichi mestieri legati alle acque del Canale di Reno e del Canale delle Moline, sono proiettate sul muro dell’affaccio di via Oberdan delle immagini evocative ispirate alle incisioni di Annibale Carracci e Giuseppe Maria Mitelli.

Questo progetto di valorizzazione notturna è stato realizzato grazie anche i contributi volontari versati dai visitatori durante le iniziative (come Notte blu, Effetto blu e le visite nei sotterranei) organizzate da Canali di Bologna. Un dono per i bolognesi che anche se, solo sporgendosi dagli affacci e dalla finestrella vedranno illuminato il Canale di Reno, sarà comunque dato loro un segno di serenità e fiducia. L’inaugurazione per il grande pubblico, se sarà possibile, è prevista a primavera 2021.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento