rotate-mobile
Cronaca Castel d'Aiano

Castel d’Aiano, nonna Lucia spegne 105 candeline: "Una vita per gli altri"

In paese era famosa per la sua abilità di sfoglina e non era difficile, quando la si andava a trovare a casa, vederla con il mattarello in mano a “tirare la sfoglia” e lo ha fatto fino a 90 anni

Si chiama Lucia Vitali e lo scorso 18 agosto ha compiuto 105 anni: un traguardo incredibile quello raggiunto dalla signora Lucia la quale conferma la tradizione che vuole la provincia di Bologna come una delle terre con più ultracentenari in Italia. Nata a Castel D’Aiano il 18 agosto 1916, è sempre rimasta a Villa d’Aiano, località dell’Appennino Bolognese, vivendo uno stretto legame con la sua terra ed i suoi concittadini.

Un amore e una passione che ha manifestati lungo la sua esistenza anche quando le difficoltà della vita si sono fatte più pressanti: era una giovane ragazza quando è scoppiata la Seconda Guerra Mondiale e, a 49 anni, è diventata vedova. Una vita spesa per gli altri. Lucia, infatti, tra gli anni 70 e 80 si occupava della mensa parrocchiale e nello stesso periodo ha svolgeva i lavori domestici nella casa della famiglia dell’allora prete di Villa d’Aiano.

In paese era famosa per la sua abilità di sfoglina e non era difficile, quando la si andava a trovare a casa, vederla con il mattarello in mano a “tirare la sfoglia” e lo ha fatto fino a 90 anni. L’altra passione di Lucia era l’orto che ha coltivato con dedizione e solo un intervento chirurgico, subìto quando aveva 96 anni e brillantemente superato, le ha impedito di continuare a coltivare il pezzo di terra vicino a casa e di occuparsi delle sue galline.

Ora Lucia Vitali vive con la figlia e, pochi giorni fa, ha festeggiato il suo 105esimo compleanno. A farle gli auguri a nome di tutta la comunità è stato il sindaco di Castel d’Aiano, Alberto Nasci, che l’ha omaggiata con un mazzo di fiori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castel d’Aiano, nonna Lucia spegne 105 candeline: "Una vita per gli altri"

BolognaToday è in caricamento