Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca Navile / Via Matteotti

Luminarie con simboli massonici, Grand'Oriente: 'Massoneria tirata in ballo a sporposito'

Si è mosso persino il Gran Maestro Stefano Bisi: 'Vantaggioso additare la Massoneria come mandante di una strage, prima accertare la piena verità. Sono simboli universali'

Foto stefanobisi.it

Le feste natalizie sono concluse, ma non si placano i botta e riposta e le polemiche sulle luminarie sul ponte Matteotti, firmate da Luca Vitone, dedicate alla memoria della Strage del 2 Agosto, che riportano alcuni simboli massonici.

A intervenire Stefano Bisi. Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia: "Fare persino delle Luminarie del Natale una clamorosa occasione mediatica per tirare in ballo ancora una volta a sproposito l’intera Massoneria, accostando il luttuoso evento della stazione di Bologna al coinvolgimento di Licio Gelli e della P2, è un atto inqualificabile e vergognoso che la Massoneria e i 22 mila fratelli del Grande Oriente d’Italia non meritano per gli alti e secolari valori professati, per il loro impegno quotidiano per il bene dell’Umanità e le tante azioni coraggiose e di solidarietà fatte senza clamore in tutta la Penisola in favore dei più deboli e dei bisognosi - scrive in una nota.

"La memoria di quel giorno è ancora viva ed è una parte importante dell’identità di Bologna' quindi l'opera "si propone come monito, promemoria e  lampadina accesa sulle tante storie sotterranee e occultate del nostro paese che riverberano sul presente e su cui dobbiamo pretendere che venga fatta piena luce", aveva chiarito il Comune di Bologna.

Secondo Bisi sarebbe "facile e culturalmente vantaggioso per tanti, come spesso è accaduto in questa nostra Italia in cui si trovano e si creano artatamente falsi obiettivi per sviare problemi più grossi, additare la Massoneria come mandante di una strage che, come gli atti processuali hanno acclarato, ha tante piste, tanti livelli e lati oscuri, quelli sì, ancora oggi non del tutto chiariti. Sull’opera realizzata sul ponte Matteotti a Bologna e sul simbolismo a essa attribuita dall’autore, il Grande Oriente è già intervenuto sin dallo scorso 17 dicembre sul proprio sito Web. Già il Grande Oratore Claudio Bonvecchio ha ampiamente spiegato con interviste ai quotidiani come le Luminarie con i presunti simboli massonici riconducibili alla P2 e a Licio Gelli, in realtà siano simboli universali. Quanto alla P2 non aveva e non ha mai avuto alcun simbolo specifico".

"Deriva cervellotica o cinismo ben camuffato?", aveva chiesto monsignor Giovanni Silvagni, vicario generale della Curia bolognese, che ieri sul su Bologna Sette, inserto di Avvenire, ha criticato duramente l'opera, aggiungendo "Come se si celebrasse la Resistenza con una esibizione di svastiche".

Il triangolo dunque come perfezione pitagorica, mentre l'occhio è quello di Horus, divinità dell'antico Egitto, e infine il circolo con i raggi l'emanazione della potenza di Dio verso il mondo, si spiega nel comunicato, tanto che: "Nel duomo di Milano e in tante chiese, non solo italiane, è visibile un occhio con i raggi, ma nessuno ha mai fatto accostamenti alla P2. Il Grande Oriente d’Italia che ha a suo tempo fatto il proprio processo interno, espellendo Licio Gelli e demolendo la Loggia P2, ritiene che sia doveroso difendere la Massoneria e i suoi iscritti da attacchi e accostamenti fuorvianti e gratuiti. E che non si può alimentare attraverso un’opera una campagna che ha facile cassa di risonanza sui Social Network e sull’opinione pubblica. Il Grande Oriente d’Italia non ha nulla da nascondere - conclude il Gran Maestro - cammina a testa alta, rispetta il dolore dei familiari delle tante vittime di Bologna ed è il primo a volere che sino in fondo venga accertata la piena verità dei fatti di Bologna”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luminarie con simboli massonici, Grand'Oriente: 'Massoneria tirata in ballo a sporposito'

BolognaToday è in caricamento