Esondazione Reno, Argelato: “Invasi da acqua e fango, è un disastro”| FOTO

I cittadini stanno sgomberando le abitazioni ai primi pianin, cantine e garage: “Dobbiamo buttare tutto”

La piena è arrivata di notte, e nessuno si aspettava che l'intero abitato di Argelato si allagasse. Una città finita sott’acqua nel giro di poche ore: primi piani, cantine e garage inagibili fin quando l’acqua non ha iniziato a ritirarsi. E i cittadini, armati di pale, scope, stracci e soprattutto tanta pazienza e rassegnazione, stanno cercando di pulire il fango dalle abitazioni.

Il racconto dei residenti | VIDEO

“È un disastro, l’acqua verso le 22 di ieri (2 febbraio 2019,ndr) ha raggiunto metà sportello delle auto parcheggiate sulla strada - spiegano alcuni residenti , proprietari delle abitazioni a ridosso del canale Riolo - Quello che ci dispiace è che nessuno di noi  ha saputo che stava arrivando l’acqua”.

I cittadini di via dei Tigli e via degli Olmi invece, raccontano: “Hanno evacuato gli anziani che abitano ai primi piani con i gommoni, per fortuna i vigili del fuoco sono interventi immediatamente. Stiamo buttando tutto, niente è recuperabile. Fango e acqua sono entrati in casa e non sappiamo quanto tempo ci vorrà per ritornare alla normalità. È assurdo che sia accaduta una cosa simile”.

Maltempo, la sindaca di Argelato: "Risarcimento danni? Tenete tutto, fatture e scontrini"

Il sindaco di Argelato, Claudia Muzic, dopo l’incontro in Prefettura di questa mattina ha fatto il punto della situazione : “I mezzi in più che avevamo richiesto ieri per far fronte alla grave emergenza sono arrivati - sottolinea a BolognaToday -  Stiamo lavorando ancora e siamo tutti impegnati per far fronte a questa emergenza. Non è possibile avere un dato preciso su quante persone sono state sfollate perché tantissime hanno abbandonato spontaneamente le proprie abitazioni, parliamo comunque di  circa 200 persone e quasi tutte sono rientrate nelle proprie abitazioni” .

Chiedendole perché parte della cittadinanza si lamenta di non essere stata avvertita dell’arrivo dell’acqua, il primo cittadino spiega : “Avevamo un’allerta di Protezione Civile per una piena, e abbiamo  evacuato Malacappa perché era la zona più a rischio. Il problema è stata la rottura dell’argine a Castel Maggiore, ma quanta acqua potesse arrivare e con quale potenza non potevamo prevederlo. I cittadini sono stati avvisati con il sistema di Allert System man mano che ci arrivavano le informazioni. Non c’ è un’ordinanza o un messaggio che dicesse di uscire, perché a un certo punto sembrava che fosse più rischioso stare fuori invece che nelle proprie abitazioni. Poi è arrivata così tanta acqua che ha allagato tutto il centro abitato, e a un certo punto qui era possibile muoversi sono con gli anfibi. È stata per noi una cosa drammatica”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nicoletta Mantovani sposa il suo Alberto: "Matrimonio a Bologna, in una chiesa speciale per me"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, aumento contagi: +41, a Bologna 12

  • Schianto in tangenziale tra camion e auto: morto vigile del fuoco

  • Tir fermo in autostrada, camionista trovato morto

  • Coronavirus, direttore Microbiologia Sant'Orsola: "Virus muta, autunno incerto"

  • Incidente stradale, esce di strada e si schianta contro la recinzione: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento