Emergenza neve, una stangata da 100 mila euro al giorno

Salata la conta dei danni e degli esborsi per far fronte ai disastri del maltempo nella Provincia di Bologna: rimesso un milione di euro solo per le strade

Ingenti i disagi e i danni che il maltempo si è portato dietro. Dopo due settimane di emergenza finalmente la tregua. La provincia di Bologna è fuori dalla morsa della neve, ma ora deve farsi i contri in tasca. Salato il bilancio: le precipitazioni straordinarie ci sono costate 100 mila euro al giorno.  E' l'assessore ai Lavori Pubblici Maria Bernardetta Chiusoli a tirare le somme. 7

Costo dell'emergenza sulle strade. Dai calcoli di Chiusoli dall'1 febbraio ad oggi, le ore fatte dagli assuntori (spazzaneve a contratto) sono state complessivamente, su tutto il territorio provinciale, circa 11.800; le tonnellate di sale sparso sono state circa 2.300. Il costo complessivo dell'emergenza è di circa 1.100.000 euro, cioè circa 100.000 euro/giorno (dall'1 al 12 febbraio per i giorni di nevicata). Un costo, effettivamente, molto alto anche per le medie storicamente registrate dalla Provincia.
Inoltre è già possibile stimare in almeno 1 milione di euro i danni alla pavimentazione stradale causati dalle quantità eccezionali di sale sparso. Il sale infatti ha un'azione particolarmente dannosa sul conglomerato bituminoso, ne modifica i legami interni e provoca, conseguentemente, buche molto precoci.

Situazione viabilità. Ad oggi le strade di pianura sono “nere”, come le principali fondo valli nella zona a sud della via Emilia. Bianche ma percorribili le altre strade di montagna dove sono cadute quantità di neve eccezionali e si sono registrate, nel week end, alcune criticità: in particolare a Monghidoro, nella zona di Savigno e a Montepastore (frazione di Monte San Pietro al confine con Savigno).
Al momento sono ancora in azione diversi mezzi sgombraneve e spargisale per completare i lavori di sgombro e per allargare i passaggi sulla rete stradale.

Operazioni dello scorso week end. Durante tutto il week end, di vera e propria emergenza, il Servizio manutenzione strade della Provincia ha agito in continuo contatto con la Protezione civile ed i territori maggiormente colpiti, e l'impegno del personale cantoniere provinciale (coordinato dai18 sorveglianti stradali e i 4 capi area, a capo delle 4 aree manutentive in cui è suddivisa la rete stradale provinciale) è stato forte e decisivo per molte situazioni critiche. E' stata sempre garantita la continuità dei rifornimenti di sale provenienti dal porto di Ravenna.
Sabato 11 mattina, nel momento di maggior criticità per la rete stradale, per evitare di interrompere totalmente alcuni tratti di viabilità provinciale, via preferenziale di ogni eventuale soccorso, è stato deciso di dirottare la turbina (il mezzo sgombraneve più efficace in dotazione alla Provincia che opera normalmente nella zona del Corno alle Scale) verso le aree in maggiore difficoltà.
La turbina, guidata da una squadra di cantonieri provinciali, ha risolto in poche ore i problemi sulla viabilità provinciale a Savigno; subito dopo, sulle comunali di Savigno, è giunta la fresa inviata da Anas-Autostrade. La nostra turbina si è poi diretta a Cereglio (centro abitato di Vergato sulla sp 25) che versava in condizioni particolarmente critiche per l'enorme quantità di neve precipitata da venerdì sera e, con la collaborazione del Comune, che ha fatto rimuovere le auto in sosta che restringevano la carreggiata, si è risolta anche quella criticità.
La mattina di domenica 12 la turbina provinciale è intervenuta, insieme al Comune di Monte San Pietro, in soccorso di alcune famiglie rimaste isolate sulla via Vignola dei Conti, una comunale a Montepastore,poco distante dalla sp26 Valle del Lavino e il personale provinciale è riuscito a risolvere le criticità che gli altri mezzi di soccorso non riuscivano ad affrontare (foto in allegato).
Il servizio di manutenzione invernale, dopo i ritocchi organizzativi effettuati in seguito alla nevicata di 2 anni fa e l'avvio di un sistema di controllo/verifica della flotta dei mezzi spartineve e spargisale mediante GPS, non ha registrato malfunzionamenti particolari, tranne casi isolati che verranno prontamente messi a fuoco e risolti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Regionali Emilia Romagna 2020, tutti i programmi elettorali

Torna su
BolognaToday è in caricamento