rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Lizzano in Belvedere

Nebbia e vento, escursionisti dispersi. Arrivano i soccorsi, sette in ospedale

L'allarme nel tardo pomeriggio. Stanno tutti bene

Spavento ieri sera per un gruppo di escursionisti in Appennino, sette ragazzi e ragazze minorenni, tutti residenti in provincia di Pisa, e in gita. Alle 19:30 a causa del maltempo, nella zona tra il Rifugio Duca degli Abruzzi ( Lago Scaffaiolo) e il Rifugio Montanaro (San Marcello Pistoiese) sono stati soccorsi dalle squadre del soccorso alpino perché, dispersi, non erano in grado di ritornare a valle da soli.

Il vento e la nebbia infatti avevano ridotto notevolmente la visibilità. Complessivamente sono intervenuti 25 operatori ed è stata attivata anche la squadra del CNSAS Toscana e squadra CNSAS CIMONE. L’avvicinamento è stato possibile solo con gli sci a causa della neve. Raggiunti dai soccorritori, sono stati poi accompagnati a Pratorsi, versante toscano. Nessuno è rimasto ferito. Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del fuoco e i Carabinieri Sciatori.

Cos'è successo

La comitiva dopo aver pranzato al rifugio Duca degli Abruzzi (lago Scaffaiolo) è partita alla volta del Rifugio Porta Franca, nonostante il gestore del rifugio abbia tentato di dissuaderli. In quota c’era vento forte e visibilità ridotta a causa della fitta nebbia.

Imboccato il sentiero di crinale si sono diretti verso il Porta Franca, ma arrivati nella zona del Monte Gennaio probabilmente a causa della nebbia hanno perso il sentiero iniziando a salire fino ad arrivare su dei salti di roccia dove sono stati costretti a fermarsi e chiedere aiuto. Sono circa le 18.20. A ricevere la richiesta di aiuto è la Sala Operativa dei Carabinieri di Vergato che attiva immediatamente i soccorsi. Sul posto si recano tre squadre del CNSAS. Una partita dal Corno alle Scale, un’altra partita dal versante toscano e una terza dalla zona del Monte Cimone ed inoltre anche il Soccorso Alpino della Guardia di Finanza e i Vigili del Fuoco. 

Durante l’avvicinamento i soccorritori hanno tentato più volte di contattare la comitiva ma non erano più in copertura di rete, perché il gruppo si continuava a spostare. Intorno alle 20,40, la squadra dei tecnici del CNSAS Corno alle Scale riesce a sentire delle grida provenienti da una zona compresa tra il Passo dello Strofinatoio e il Passo della Nevaia e la comitiva, poco dopo, viene raggiunta.

Stremati dalla fatica, bagnati, infreddoliti vengono inizialmente accompagnati sul sentiero di crinale per essere riportati verso il Rifugio Sega Vecchia, ma a causa della stanchezza non riuscivano ad affrontare la salita. A quel punto i tecnici hanno optato per scendere verso la zona di Pratorsi nel versante toscano. Durante la discesa una ragazza non riusciva più a camminare, nonostante l’aiuto di due tecnici del SAGF. Posizionata su una barella è stata accompagnata, insieme al resto della comitiva fino al parcheggio di Pratorsi dove ad attendere c’era l’ambulanza del 118 che ha provveduto ad ospedalizzare sette di loro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nebbia e vento, escursionisti dispersi. Arrivano i soccorsi, sette in ospedale

BolognaToday è in caricamento