Covid e maltrattamenti in famiglia: "Incremento, molti di più denunciano perchè sanno che saranno protetti"

Complice l’obbligo di condividere per settimane il tetto domestico anche tra coniugi con già problematiche pregresse di violenza, numerosi sono stati gli interventi e i conseguenti provvedimenti emessi dalla Procura della Repubblica di Bologna

Maltrattamenti in famiglia

E' uno dei reati più odiosi. Così lo definiscono i Carabinieri di Bologna facendo il punto e una panoramica dei numeri di questo ultimo perdiodo: dall’inizio dell’emergenza sanitaria per il Covid-19, è stato riscontrato infatti un incremento dei maltrattamenti in famiglia. Complice l’obbligo di condividere per settimane il tetto domestico anche tra coniugi con già problematiche pregresse di violenza, numerosi sono stati gli interventi e i conseguenti provvedimenti emessi dalla Procura della Repubblica di Bologna per il reato di maltrattamenti in famiglia e simili.

Interventi anche negli ultimi giorni con allontanamenti dalla casa coniugale

Dall'Arma si scopre che "Cessata l’emergenza, però, questo trend è proseguito, pur con numeri minori, ma che comunque superano quelli riferiti allo stesso periodo dell’anno precedente. Solo negli ultimi due giorni, per esempio, sono stati ben tre gli interventi, tutti richiesti in provincia, che hanno portato all’allontanamento della denunciante e dei figli minori dalla casa coniugale, con  l’attivazione del PRIS (Pronto Intervento Sociale), che ha provveduto a collocare immediatamente le donne ed i loro figli presso strutture dedicate alla prima accoglienza di vittime di violenza domestica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La buona notizia: aumentano le denunce

I numeri possono sembrare allarmanti, ma l’analisi invece restituisce un dato oggettivo: è aumentata la propensione a denunciare, e quindi la fiducia nelle forze dell’ordine, nella magistratura e nel sistema di prima accoglienza per le vittime. Da evidenziare anche che aumentano le segnalazioni da parte anche di quelle fasce di popolazione che, per cultura, erano restie a rivolgersi al sistema per denunciare abusi e violenze. Segno che le campagne di informazione e sensibilizzazione e le pronunce dell’Autorità Giudiziaria stanno aumentando la fiducia delle vittime vulnerabili, che ora sono rassicurate sul fatto che le loro istanze verranno considerate con la giusta attenzione da parte degli organi competenti.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio Elettra Lamborghini: tutti i dettagli della cerimonia a poche ore dal 'si'

  • Matrimonio da favola per Elettra Lamborghini: gli abiti da sposa, la torta e i fuochi d'artificio / LE FOTO

  • Pianoro, morto il 17enne coinvolto nell'incidente auto-moto

  • Coronavirus, altri 4 studenti positivi in 4 scuole: 78 in quarantena

  • Le sagre di ottobre da non perdere a Bologna e provincia

  • Covid, il giro di vite anti-contagio di Merola: mascherina obbligatoria nel weekend

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento