Adolescente scappa di casa: è la quarta fuga in sei mesi

Ieri ritrovata mentre scorazzava in via Ugo Bassi come se niente fosse. Problemi familiari alla base delle continue fughe della 15enne: a maggio fu "ripescata" al Cie, si spacciava per musulmana

M.F., adolescente bolognese ritenta la fuga. Il 25 agosto l'ennesimo allontanamento da casa, che gettò nel panico i familiari dell'"irrequieta" adolescente, già scappata altre tre volte negli ultimi 6 mesi. Questa volta la fuga è stata breve, la giovane è infatti stata rintracciata ieri sera dai Carabinieri, mentre scorazzava in via Ugo Bassi.

I militari, sono giunti a lei dopo aver monitorato per giorni i luoghi che solitamente frequentava. Del ritrovamento della ragazza, che è in buono stato di salute, è stata data immediatamente notizia alla famiglia, oltre che all’Autorità Giudiziaria ordinaria e minorile.

FINì AL CIE, INDOSSAVA UNO CHADOR. La minorenne già attirò l'attenzione su di sè nello scorso maggio, quando inseguito ad una delle sue fughe finì addirittura al CIE di via Mattei, dove era stata condotta perchè si era fatta passare per extracomunitaria. La 15enne, infatti, era stata pizzicata in un locale occupato, dove bivaccava in compagnia di una comunità magrebina.

MOTIVAZIONI. La ragazza, in ogni occasione, ha riferito di essersi volontariamente allontanata a causa di incomprensioni con i propri genitori, motivo per il quale era stata già affidata ad una comunità di accoglienza per minori della città e presso la quale è stata ricondotta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Voglia di libertà e "malessere" interiore hanno concorso inoltre ad alimentare la sua irrequietudine, come trapela da uno dei biglietti scritti dalla stessa M.F., durante una delle sue "scappatelle". Alla mamma si rivolgeva così: "Ti voglio bene. Mi troverò un lavoro in nero e poi mi faccio viva. Ma ora sto male e devo cambiare vita, identità e città».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Riaprono i confini, controlli serrati in autostrada: maxi-sequestro di Vespe rubate in A1

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Tragedia a Loiano: travolto da un tronco, muore a 43 anni

  • Maxi rissa in Piazza Verdi, volano pugni e bottiglie: "Un inferno mai visto prima"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, calo contagi e casi attivi: guarito oltre il 73% dei contagiati

Torna su
BolognaToday è in caricamento