Mascherina anche per i runner? Il Viminale chiarisce. Allo studio nuove restrizioni

Stretta sulla movida e sullo sport da contatto, oltre a una possibile riduzione della capienza dei mezzi di trasporto

Non i runner, ma chiunque faccia attività motoria all'aperto, dovrà indossare la mascherina. In una circolare, il capo di gabinetto del Viminale, Bruno Frattasi, ha chiarito ai prefetti alcuni dettagli sul decreto legge approvato il 7 ottobre scorso.

La disposizione che prevede l'uso della mascherina "esenta dall'obbligo di utilizzo solo coloro che abbiano in corso l'attività sportiva e non quella motoria, non esonerata, invece, dall'obbligo in questione".

Pandolfi, Ausl: "Poche mascherine in zona universitaria" | VIDEO 

Nelle bozze del decreto circolate nei giorni scorsi era scritto che dall'obbligo di utilizzare la mascherina erano esentati "i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva o motoria" ma nel testo pubblicato in Gazzetta l'esenzione è rimasta solo per coloro che fanno attività sportiva.

Nella riunione urgente tra il Comitato Tecnico Scientifico e del ministro della salute Roberto Spetranza, convocata per oggi, 11 ottobre, sono al vaglio ulteriori provvedimenti restrittivi: è quasi certa la stretta sulla movida e sullo sport da contatto, oltre auna possibile riduzione della capienza dei mezzi di trasporto. 

Quello che è certo è che verrà varato un nuovo decreto con nuove restrizioni, che potrà essere anticipato anche a lunedì 12 ottobre.

Scuole

"Non c'è alcuna ipotesi di provvedimenti restrittivi per le scuole. Il Governo non ne ha affatto discusso" ha scritto sui social la ministra dell'istruzione Lucia Azzolina "e sarebbe strano il contrario: i dati ci confermano che le scuole sono luoghi molto più sicuri di altri. A scuola ci sono regole, anche molto stringenti, che studenti, studentesse e personale stanno rispettando con grande senso di responsabilità. Il Governo sta invece valutando l'utilizzo dei test rapidi anche per le scuole, come sto chiedendo da tempo - continua la ministra - credo poi che vada fatta una riflessione seria su tutte quelle attività, anche ricreative, che riguardano i nostri ragazzi fuori da scuola, dopo l'orario scolastico. Episodi recenti ci dimostrano che spesso sono l'origine di focolai che costringono alla quarantena decine di giovani e adulti". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm | Scuole, locali, palestre & co: ecco le nuove misure approvate

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +544 nuovi casi, boom a Bologna

  • Test sierologici gratuiti e rapidi, ecco l'elenco delle farmacie aderenti a Bologna e provincia

  • Bar e ristoranti, nuova ordinanza: fissato il termine di chiusure e riaperture

  • Top 100 manager Forbes 2020: in classifica anche due bolognesi

  • Scuola e covid, focolaio a Castiglione dei Pepoli: 18 alunni positivi in 5 classi, chiuso l'istituto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento