rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca Centro Storico / Via Irnerio, 2

Un estraneo nella materna della Montagnola: 'Rimpallo di responsabilità, ma la scuola non ha colpa'

Tenendo una mano nella giacca, ha fatto intendere di avere un'arma. Le rappresentanti di sezione Sara Celentano e Alessandra Cuoccio raccontano l'accaduto

La materna Betti-Ciaccagna è la scuola all'interno del Parco della Montagnola che ieri ha subito l'intrusione di un individuo che tenendo una mano nella giacca e simulando il possesso di un'arma, ha creato un po' di scompiglio laddove si erano già accumulati diversi episodi di disagio dovuti al degrado del parco (furti vari e l'anno scorso il ritrovamento di alcune persone che dormivano nelle casette-gioco): è all'ora dell'uscita dei bimbi che i genitori raccontano l'accaduto, confessando di avere avuto paura per l'incolumità dei loro figli, quando hanno saputo dai messaggi degli altri genitori e dai media dell'intervento dei Carabinieri. 

Sono le rappresentanti di sezione Sara Celentano e Alessandra Cuoccio a raccontare per bene l'accaduto, entrambe presenti al tavolo 'sulla sicurezza in Montagnola' che era in programma a Palazzo d'Accursio proprio ieri e che pare non abbia però portato a grandi risultati: "Fra le 7.30 e le 9 del mattino il cancelletto resta aperto per far entrare bambini e genitori: un uomo descritto come alto e biondo è riuscito ad entrare: aveva una mano sotto la giacca, come se fosse stato armato ed è stato immediatamente allontanato da uno dei maestri, che poi ha chiamato i Carabinieri". Qualcuno, come si sente dire da alcuni, ha temuto che fosse in corso un attentato. 

Una situazione difficile quella di chi ogni giorno deve fare i conti con gli spacciatori della Montagnola portando a scuola i suoi figli, bagarre fra delinquenti e situazioni di evidente degrado: "L'altro giorno mi sono trovata in mezzo a un lancio di bottiglie di vetro - racconta una delle mamme - e ho dovuto chiedere a delle altre persone di accompagnarmi all'uscita perchè non mi sentivo sicura. Ma sono cose che accadono tutti i giorni, mentre nessuno fa nulla". 

Quale una soluzione possibile? E' Alessandra Cuoccio a spiegare che "basterebbe avere una persona che non è nel personale scolastico che controlli gli ingressi e il momento dell'uscita, questo è quello che chiediamo. Una cosa che tengo a dire è che il personale della scuola non è affatto responsabile di quello che è accaduto, anzi...da anni assistiamo a un rimpallo di responsabilità e da una mancata sinergia fra gli attori che dovrebbero garanrire la sicurezza". Nessuna soddisfazione per il tavolo in Comune, al quale non erano presenti assessori nè rappresentanti dell'Istruzione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un estraneo nella materna della Montagnola: 'Rimpallo di responsabilità, ma la scuola non ha colpa'

BolognaToday è in caricamento