Coronavirus, l'ipotesi a Palazzo D'Accursio: "Matrimoni civili in piazza Maggiore"

Sospesi causa misure anti-coronavirus, potrebbero essere celebrati all'aperto. L'idea lanciata dalla consigliera dem Lembi in question time. L'assessora Gaggioli: "Valutiamo"

I matrimoni civili, sospesi causa misure anti-coronavirus, potrebbero essere celebrati all'aperto: magari proprio in piazza Maggiore, come propone la consigliera comunale Simona Lembi (Pd). La dem ha affrontato il tema nel Question time di oggi, interpellando l'assessora ai Servizi demografici, Elena Gaggioli, dopo che del tema si era già discusso in commissione qualche settimana fa: in quell'occasione Gaggioli "aveva assicurato che in Comune si stava procedendo a riprendere le celebrazioni dei matrimoni", ricorda la democratica, però così ancora non è. 

Anzi, "ci sono coppie che si sono viste fissare per due volte la data del matrimonio e poi per due volte è stata rinviata", segnala Lembi. In più, per Lembi c'è un duplice "paradosso". Da un lato perché a Bologna "non si celebrano i matrimoni solo se civili, mentre se sono religiosi sì", dall'altro perché negli altri Comuni della provincia i riti civili non sono stati sospesi, pur nel rispetto delle norme di distanziamento e quindi senza far radunare invitati: vale ad esempio per Castel Maggiore, Casalecchio, Calderara, Imola "e anche ad Alto Reno si celebrano i matrimoni", specifica Lembi, non casualmente visto che proprio Gaggioli è vicesindaco in quel Comune. La consigliera del Pd, quindi, chiede alla Giunta le motivazioni di "questo nuovo increscioso rinvio", sollecitando la possibilità di "riprendere finalmente le celebrazioni dei matrimoni civili, fosse anche in piazza Maggiore".

Premettendo che lo stop ai riti deriva dalle disposizioni del Governo, "sono consapevole che Comuni più piccoli e altre città abbiano riattivato o mantenuto la celebrazione dei matrimoni", risponde Gaggioli: "Gli uffici segnalano però la necessità, per il Comune di Bologna e per la Sala Rossa, di attivare uno specifico protocollo Covid che salvaguardi il Cerimoniale, i dipendenti e anche le hostess dell'azienda che supporta il Comune nella celebrazione dei matrimoni e delle unioni civili". Al momento, aggiunge l'assessore, "si sta valutando la possibilità di celebrare, almeno in questa fase, alcuni matrimoni in una location diversa dalla Sala Rossa, magari all'aperto in spazi pubblici". Si tratterebbe ovviamente di "una scelta innovativa che presuppone una istruttoria da parte degli uffici", conclude Gaggioli.

Premettendo che lo stop ai riti deriva dalle disposizioni del Governo, "sono consapevole che Comuni più piccoli e altre cità abbiano riattivato o mantenuto la celebrazione dei matrimoni", risponde Gaggioli: "Gli uffici segnalano però la necessità, per il Comune di Bologna e per la Sala Rossa, di attivare uno specifico protocollo Covid che salvaguardi il Cerimoniale, i dipendenti e anche le hostess dell'azienda che supporta il Comune nella celebrazione dei matrimoni e delle unioni civili".

Al momento, aggiunge l'assessore, "si sta valutando la possibilità di celebrare, almeno in questa fase, alcuni matrimoni in una location diversa dalla Sala Rossa, magari all'aperto in spazi pubblici". Si tratterebbe ovviamente di "una scelta innovativa che presuppone una istruttoria da parte degli uffici", conclude Gaggioli. (Dire)

Leggi anche: 

Coronavirus, primo week-end fase 2. Merola: "Più controlli, no passi falsi: responsabilità di tutti"

Coronavirus, Venturi in conferenza con Bonaccini: "Budrio? Non ci possiamo permettere focolai"

Impianti sportivi, la Regione apre ma arriva lo stop del Comune

Coronavirus, il caffè al bar è d'asporto: "Incongruenze, ci vorrebbe più elasticità" | VIDEO

Coronavirus, come usare le mascherine: il tutorial del Ministero | VIDEO

Come si viaggia in fase 2: a bordo di un autobus Tper a Bologna | VIDEO

Covid-19, 'fase 2': cosa è aperto e cosa resta ancora chiuso

VIDEO | Primo giorno - Fase 2: pomeriggio assolato, pienone ai Giardini

Covid-19, fase 2: ecco il nuovo modello di autocertificazione. Scaricalo qui

Coronavirus, fase 2 anche per gli ospedali: al via le prime prestazioni non urgenti

Farmaci e spesa a casa, aiuti alimentari, supporto anziani e persone fragili: servizi attivi e numeri utili

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

  • Bocciata alla maturità in Dad: Tar le dà ragione, esame da rifare

Torna su
BolognaToday è in caricamento