Cronaca

Paga un'italiana per sposarsi, poi rientra in Italia ed elude i controlli

Espulso dal Paese fino al 2022, il 32enne era riuscito a tornare prendendo il cognome della moglie

I Carabinieri della Stazione Bologna San Ruffillo (BO) hanno denunciato una 28enne italiana per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La denuncia è scaturita nel corso di un’indagine che i militari avevano avviato per approfondire alcuni aspetti sul 32enne albanese arrestato lo scorso luglio, proprio perché doveva scontare 5 mesi di reclusione per reati inerenti l’immigrazione clandestina.

I Carabinieri della Stazione Bologna San Ruffillo hanno scoperto che il soggetto era riuscito a rientrare nuovamente in Italia eludendo i controlli perché aveva acquisito il cognome della moglie, una 28enne italiana con precedenti di polizia che si era fatta pagare per raggiungerlo in Albania e sposarlo. Una strategia che il 32enne aveva adottato per tornare nel territorio italiano (da cui era stato espulso fino al 2022).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paga un'italiana per sposarsi, poi rientra in Italia ed elude i controlli

BolognaToday è in caricamento