Urina in strada e aggredisce i Carabinieri: arrestato 38enne

Dopo una segnalazione i militari hanno individuato il veicolo fermo in mezzo alla carreggiata mentre il conducente urinava

I Carabinieri di Medicina hanno arrestato un 38enne marocchino, residente ad Argenta, per resistenza a un pubblico ufficiale, lesioni personali, danneggiamento aggravato e rifiuto dell’accertamento dello stato di ebbrezza.

È successo ieri sera, quando i militari hanno ricevuto una segnalazione relativa a un’automobilista alla guida di una Renault Megane che stava percorrendo le strade di Medicina con un’andatura sospetta. Una pattuglia ha individuato il veicolo poco dopo in via San Vitale Ovest, fermo in mezzo alla carreggiata e con lo sportello aperto. Preoccupati per l’incolumità del conducente, i militari però lo hanno trovato mentre urinava sul ciglio della strada.

Alla vista dei Carabinieri che lo invitavano a ricomporsi e a spostare l’auto dal centro della carreggiata, il 38enne li ha aggrediti e si è calmato soltanto dopo, con l’arrivo di una seconda pattuglia dell’Arma di Dozza. Lo straniero, noto alle forze di Polizia è stato arrestato e rinchiuso in camera di sicurezza, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto, prevista per la giornata odierna presso le aule giudiziarie del Tribunale di Bologna. Tre Carabinieri sono finiti all’ospedale, le ferite sono fortunatamente lievi.

Processato per direttissima, è stato condannato a 8 mesi di reclusione, 6 mesi di sospensione della patente di guida e confisca del veicolo. E' stata disposta la sospensione della pena con obbligo di firma alla PG.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Esce di strada, l'auto finisce nel canale: c'è un morto

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Perturbazione meteo, previsione nevicate: Autostrade mette in guardia

Torna su
BolognaToday è in caricamento