Monitoraggio migranti, salpa 'Mediterranea': a bordo anche attivisti bolognesi

La nave italiana svolgerà attività di monitoraggio e denuncia dei migranti

C'è anche "Ya Basta Bologna" a bordo di "Mediterranea", la nave italiana che nel Mediterraneo svolgerà attività di monitoraggio e denuncia della drammatica situazione che vede donne, uomini e bambini affrontare enormi pericoli in assenza di soccorsi e nella complice indifferenza dei governi italiano ed europei.

Tra i promotori del progetto varie associazioni, Onlus, ONG tra cui Arci nazionale, Ya Basta di Bologna, ONG Sea-Watch, magazine online I Diavoli e l’impresa Moltivolti. Garanti un gruppo di parlamentari, con il sostegno di esponenti del mondo della cultura e della società civile.

"Da sempre siamo colpevoli di solidarietà e accoglienza, oggi che questi valori sono considerati reati non possiamo più stare a guardare! Costruiamo insieme una iniziativa concreta per fermare l'odio e l'indifferenza, riprendiamoci la nostra umanitlepore-3-3à" scrive l'associazione bolognese sui social. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Una nave è partita e si chiama Mediterranea. Sopra c'è un pezzo di Bologna" ha twittato l'assessore alla cultura Matteo Lepore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Portici, colli e malinconia. 5 canzoni di successo dedicate a Bologna

  • Le vie di Bologna dai nomi più strani e il loro significato, che non tutti conoscono!

Torna su
BolognaToday è in caricamento