Coronavirus, Merola: "Troppa gente in giro, non va bene. State a casa"

Il sindaco di Bologna rinnova l'appello a restare a casa e uscire solo per motivi necessari: "Io sto a casa, Mé a stâg a cà"

Il sindaco di Bologna, Virginio Merola, fa un altro appello ai suoi cittadini su Facebook. Il messaggio è chiaro, multilingue, tra cui anche il bolognese: "Mé a stâg a cà, io sto a casa". Troppi i posti affollati secondo il sindaco, che avverte: "Non dobbiamo fare l’errore di interpretare i piccoli segnali positivi come un liberi tutti".

"Care bolognesi e cari bolognesi, sono Virginio il vostro sindaco – comincia così il messaggio – vi rinnovo l’invito a restare a casa e uscire solo per motivi necessari. Siamo su un altipiano, lungo e piatto, il virus non perdonerà se cediamo proprio adesso. Vi lancio questo appello perché non dobbiamo pensare di aver 'svoltato', ci siamo ancora dentro. Tutti voi ogni giorno – continua – guardate i numeri dei contagi, dei guariti e, purtroppo, dei decessi. Ecco: non dobbiamo fare l’errore di interpretare i piccoli segnali positivi come un "liberi tutti". Abbiamo veramente bisogno gli uni degli altri perché in questo momento il distanziamento sociale è l’unica arma che ci consente di fare dei passi avanti".

"Facciamolo anche per rispetto di chi ha perso un caro e non ha potuto neanche salutarlo. Stanno circolando foto che mostrano luoghi della nostra città affollati: non va bene – scive il sindaco in maiuscolo –, lo ripeto non va bene. Ci saranno più controlli da parte della Polizia Locale e anche da parte delle altre Forze dell’ordine. Ma il resto lo dobbiamo fare noi tutti, altrimenti tutti i nostri sacrifici saranno inutili. Per cui, ripeto, rimaniamo a casa".

"Vi do un'ulteriore informazione – conclude Merola – che deve farci capire quanto è importante rispettare le regole. Sulla base dell’ordinanza del presidente Bonaccini, da lunedì potranno riaprire i mercati rionali coperti su area pubblica che so essere estremamente comodi per tutti voi. Questo permetterà di avere più luoghi per l’acquisto di generi alimentari in punti diversi della città. Controlleremo in modo rigoroso gli accessi perché la distanza tra le persone sia diradata".

L'ira del deputato Critelli

"Che qualcosa sia cambiato nelle ultime 24/48 ore mi pare innegabile – scrive il deputato dem sui social – ho ricevuto tante segnalazioni al riguardo, ma basta affacciarsi sulla propria via per rendersene conto. Non è facile per nessuno, dopo un mese di chiusura in casa, pensare che ci vorranno ancora alcune settimane di pazienza e di vita limitata, ma certi comportamenti sono inaccettabili".

"La scelleratezza di pochi non può e non deve compromettere la salute ed il futuro di un paese intero, per cui rispettiamo tutti le regole e usiamo il buon senso", prosegue Critelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Rinnovo inoltre il mio pensiero: laddove non arriva il buon senso, intervenga la forza pubblica. Avere tanti esercizi commerciali aperti in vie così strette porta quasi inevitabilmente al caos, per cui si intensifichino i controlli, si chieda ai commercianti di organizzarsi per garantire le condizioni di sicurezza sanitaria necessarie, oppure laddove queste non possano essere garantite si chiudano le attività interessate. Ce ne sono molte altre che in questi giorni si sono organizzate per permetterci di fare la spesa in maniera ordinata e rigorosa o di riceverla a domicilio, le regole devono essere sempre uguali per tutti".

Farmaci e spesa a casa, aiuti alimentari, supporto anziani e persone fragili: servizi attivi e numeri utili

Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 3 aprile: + 599 contagi e 91 morti

Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 3 aprile: i dati comune per comune

Coronavirus, l'Istituto Cattaneo: "In Emilia-Romagna ci sono molti più morti"

Coronavirus, nuova ordinanza: fine zona rossa a Medicina

Malati di tumore, il Covid non ferma Ant: "Aumento di richieste, noi alleggeriamo la sanità pubblica" 

Coronavirus, ecco i buoni spesa del Comune: da 150 e 600 euro, si richiedono dal 2 aprile

Coronavirus, nel reparto di terapia intensiva del Sant'Orsola: "L'emergenza continua" | VIDEO

Coronavirus, bimbo nato da mamma positiva. Intervista al neonatologo Fabrizio Sandri

Coronavirus, studio all'Alma mater: "La luce in fondo al tunnel forse dopo Pasqua"

VIDEO | Cure casa per casa: "Il piano funziona, se avete febbre aspettateci" 

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

Mappa interattiva coronavirus: casi, incidenza per provincia, dati terapia intensiva

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: altri 47 casi, metà a Bologna e 11 sintomatici

  • Dimesso dall'ospedale, torna e aggredisce operatore con calci e pugni

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 10 luglio: focolaio impresa di logistica, +36 casi a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento