menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bologna, Merola sbotta: 'Stufo delle critiche, città tra le migliori del Paese'

Come un fiume in piena il primo cittadino ne ha per tutti: dal caso del Conad nell'edificio storico, ai timori per il turismo di massa alla crisi di alloggi per studenti. E porta in dote 60 milioni di avanzo di bilancio

"Mi sono rotto un po' le scatole di questi interventi che ogni volta mi sottolineano i problemi che abbiamo di fronte". E' un passaggio dello sfogo che il Sindaco di Bologna Virginio Merola si è concesso durante l'assemblea del congresso regionale di Legacoop. Il Primo cittadino ce l'ha in particolare con tutta una serie di critiche dovute ad alcuni 'dossier' aperti in città, sui quali recentemente si sono sviluppate polemiche a vario tono.

"Ho governato questa città dal 2011, penso che sia uno dei Comuni migliori d'Italia -scandisce Merola- penso che abbiamo cambiato molte cose di questa città, ma siccome mi sto accorgendo che a fare i falsi modesti, non ci si capisce, allora vi dico umilmente: trovate un Comune con questo bilancio e queste iniziative in Italia. Dopodiché mi aspetto che ogni tanto qualcuno non dica 'bravi', ma almeno che abbiamo fatto delle cose buone", afferma il sindaco, portando in dote anche i risultati del bilancio 2018, con 60 milioni di attivo.

Entrando nel dettaglio, al sindaco non vanno giù le critiche al supermercato in progetto in via Indipendenza, che tra i suoi detrattori annovera anche illustri urbanisti e architetti. "Una roba -spiega Merola indicando il palazzo in questione, l'ex monte di pietà che ha ospitata per anni una banca -sventrata nel '53 e trasformata in una banca, che ha mantenuto all'esterno solo la facciata e dentro è stata completamente stravolta".

Ma ce ne è anche per la questione della penuria degli alloggi per studenti, spinti fuori dal centro storico e dintorni dal turismo e relativi appartamenti in affitto breve. "Lo so a memoria che abbiamo il problema che il turismo può diventare come a Firenze, intanto ricordo che grazie a questa amministrazione comunale il turismo in questa città c'è. E dopodiché aggiungo, adesso qualifichiamolo, ma abbiamo bisogno della sponda nazionale", afferma il primo cittadino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Più sedentari causa smartworking e Dad. La personal trainer "L'esercizio fisico è un 'farmaco', può previene malattie croniche"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento