Cronaca

Morte Michele Merlo, la consigliera Erika Seta: "Da approfondire l’accusa di intasare il PS per sintomi lievi"

La consigliera Città Metropolitana di Bologna - Gruppo Uniti per l’Alternativa: "Non fare confusione tra Pronto Soccorso Ospedaliero e Continuità Assistenziale/guardia medica dislocata presso la Casa della Salute"

"Si continua, malgrado le indagini interne della Asl abbiano dato una lettura chiara degli eventi e di chi non valutó come necessari ulteriori approfondimenti di quei sintomi,  a giocare sulla confusione tra Pronto Soccorso Ospedaliero e Continuità Assistenziale/guardia medica dislocata presso la Casa della Salute": lo dice Erika Seta, consigliere Città Metropolitana di Bologna - Gruppo Uniti per l’Alternativa dopo la comunicazione sull'esito dell'esame autoptico del ragazzo veneto deceduto a Bologna una settimana fa. 

La Asl dichiara un accesso in PS da cui il ragazzo non fu visitato perché scelse di recarsi presso la Casa della Salute alla Guardia medica per evitare tempi di attesa. Resta da approfondire l’accusa di intasare il PS per sintomi lievi, ma non è materia nostra e sarà la magistratura a far luce su questo, che, se confermato, sarebbe un atto davvero grave. Se ne deduce che se il ragazzo non è stato visitato da alcun medico dell’ospedale, perché uscito prima della visita,  non si può accusare lo stesso di aver sottovalutato i paziente e sbagliato la diagnosi. Allora ci si domanda perché la Asl non ravvede la necessità di tutelare la struttura ospedaliera di Vergato, continuando a lasciare ricoprire di fango quei medici? Gli stessi comunicati stampa ufficiali della Asl sono chiari per chi conosce le differenze tra tipologie di ambulatori ma lasciano aperto il dibattito ai piu profani.

Parla la fidanzata di Michele Merlo: "Mi ha dedicato una canzone inedita"

"La verità deve essere resa nota tutta e presto, nel rispetto di Michele e della famiglia, ma ci preoccupa leggere ancora oggi, sulle pagine di alcune testate, che l’Ospedale rimane unico indiziato nella comunicazione collettiva con solo alcune eccezioni che specificano dubbiose. Non vorremmo arrivare a dover temere che questa questione, per come viene venduta e non smentita, possa essere usata per giustificare quel progetto di trasformazione in struttura di lungo degenza per quello, ormai evidentemente, scomodo ospedale. Da nessuna parte abbiamo sentito dire che è necessario ripristinare alcune diagnostiche, l’anestesista utile per ogni esame con mdc, il laboratorio analisi sempre aperto che è l’abc del soccorso. Nessun mea culpa sulla necessità di rendere effettivo il soccorso, nessuna parola a tutela del personale ospedaliero. Silenzio totale anche dal Comune. Qualcuno potrebbe pensare che ci si trovi davanti alla classica palla al balzo, e sarebbe molto triste". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte Michele Merlo, la consigliera Erika Seta: "Da approfondire l’accusa di intasare il PS per sintomi lievi"

BolognaToday è in caricamento