Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca via mattei

Migranti all'hub di via Mattei, il Prefetto: 'La struttura regge i grandi numeri'

Ha chiarito alcuni punti sui migranti, passati dai 300 di un anno fa agli oltre 900 di oggi. Si cerca soluzione anche per i minori dopo la protesta

 "Non siamo all'emergenza come particolare complessità di gestione della struttura, nel senso che è una struttura che regge per il momento nonostante i grandi numeri".

A dirlo è il prefetto di Bologna, Matteo Piantedosi, in riferimento all'hub di via Mattei. Durante un'intervista al Tg regionale Rai dell'Emilia-Romagna ha chiarito alcuni punti sui migranti, passati dai 300 di un anno fa agli oltre 900 di oggi.

"Abbiamo voluto creare i presupposti per cui se ci dovesse essere un'ondata maggiore siamo pronti a fare la nostra parte". Nei giorni scorsi sono stati eseguiti lavori di ampliamento: "Non è ancora piena, la teniamo disponibile e se, come confido, non dovesse essere necessaria, la useremo per decongestionare le parti in precedenza utilizzate e quindi per dare una sistemazione più adeguata, a numeri invariati".

MINORI. Dei minori presenti in via Mattei si è discusso oggi anche in consiglio comunale, dopo la protesta andata in scena nei giorni scorsi: "Ho promosso un incontro insieme al Capo di Gabinetto della Prefettura presso l'HUB per incontrarli, capire le loro ragioni; è stato un incontro di oltre due ore, molto franco, che ha evidenziato diversi problemi e questioni" ha detto l'assessore al welfare Luca Rizzo Nervo.

I minori sono oltre 70: "Sono due anni che, rispetto a questo tema, sto ponendo la questione al ministro dell'Interno, alla struttura di missione che si occupa in particolare di minori e anche ovviamente alla Prefettura... Credo che di questo tema il ministero, che ha la responsabilità sulla prima accoglienza, debba farsi carico con quanta più rapidità possibile anche a fronte del fatto che questo territorio la sua parte l'ha fatta abbondantemente anche sul tema minori, aprendo qui - a differenza di tanti altri luoghi in Italia - due HUB dedicati ai minori: uno nelle ex scuole Merlani e l'altro a Vedrana di Budrio - continua Rizzo Nervo - quindi abbiamo contribuito non solo a dare una risposta locale, ma a rafforzare il sistema nazionale dell'accoglienza minori. Credo che anche a fronte di questo sforzo non comune alle altre città italiane - non ci sono altre città con due HUB minori - debba essere raccolta con molta rapidità la richiesta di soluzioni alternative, di una maggiore rapidità nel passaggio alle strutture di accoglienza appropriate e di seconda accoglienza per questi minori". 

Il Prefetto auspica "una più ragionevole distribuzione sul territorio regionale. Abbiamo preannunziato che nelle prossime distribuzioni daremo precedenza a famiglie dove ci sono nella loro composizione anche minori. E poi dobbiamo fare in modo, sia qui a Bologna sia nelle province della regione, di creare strutture dedicate alla presenza di minori non accompagnati".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti all'hub di via Mattei, il Prefetto: 'La struttura regge i grandi numeri'

BolognaToday è in caricamento