Ricercato USA catturato a Bologna: lettera per evitargli la pena di morte

Nessuno tocchi Caino: "l’Italia potrebbe essere intenzionata ad espellere verso gli Usa Miguel Torres, senza seguire la normale procedura di estradizione"

Sergio d’Elia, Segretario dell’associazione Nessuno tocchi Caino con Elisabetta Zamparutti, tesoriera, hanno inviato una lettera al Ministro della Giustizia Paola Severino per chiedere che Miguel Torres (il ricercato USA catturato a Bologna) non sia espulso negli Stati Uniti dove rischia la pena di morte. Secondo una fonte anonima del Dipartimento di Stato Usa (l’equivalente del Ministero degli Esteri) riportata dalla stampa, l’Italia potrebbe essere intenzionata ad espellere verso gli Usa Miguel Torres, senza seguire la normale procedura di estradizione.La questione viene trattata sul sito di "Nessuno tocchi Caino".

ERA A BOLOGNA CON UN FALSO NOME E LAVORAVA COME BADANTE. Torres è stato arrestato dai carabinieri il 15 marzo a Bologna, grazie ad informazioni giunte dalle forze dell’ordine statunitensi. Torres, 42 anni, di origine ispanica, viveva da alcuni anni a Bologna sotto falso nome lavorando come badante in una famiglia di anziani. E’ accusato dell’omicidio di 1° grado della moglie Barbara J. West-Torres, che l’uomo avrebbe commesso nel 2005 dopo che la donna aveva avviato le procedure di divorzio. Da allora è sempre stato latitante, al punto di venir considerato una delle 15 persone più ricercate negli Stati Uniti.

Il procuratore distrettuale della Berks County, John T. Adams, titolare del processo, ha dichiarato di non voler chiedere la pena di morte proprio per non avere complicazione nel procedimento di estradizione. La fonte del Dipartimento di Stato ritiene che l’Italia potrebbe avviare una procedura accelerata per il fatto che Torres è entrato in Italia sotto falso nome. D’Elia e Zamparutti hanno dichiarato: “La posizione espressa dalla Corte Costituzionale sul caso Pietro Venezia è tale per cui in nessun caso è ammessa l’estradizione da parte dello Stato italiano verso Paesi dove la persona rischia la pena di morte per un reato capitale. Questo neppure in caso di “sufficienti garanzie” che tale pena non sia irrogata o eseguita. Ancor più grave sarebbe consegnare una persona agli Stati Uniti al di fuori di un regolare procedimento di estradizione.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli esponenti di Nessuno tocchi Caino hanno così concluso: “Pur non ritenendo la notizia verosimile, almeno non nei termini esposti, occorre una parola di chiarezza e di smentita da parte del Ministro della Giustizia per la ferma opposizione del nostro Paese alla pena di morte.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

Torna su
BolognaToday è in caricamento