rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Oltre 1.100 minori ucraini a Bologna, 50 non accompagnati: "Ma c'è anche il sommerso"

I minori completamente soli sono due, uno viene da un orfanotrofio ucraino e aveva già un legame con una famiglia italiana nell'ambito dei progetti Chernobyl, l'altro è accolto a Castel Maggiore

A Bologna sono 3.859 i rifugiati ucraini fuggiti dalla guerra scoppiata a fine febbraio e arrivati in città. 1.115 i minori, dei quali una cinquantina non sono accompagnati. Due sono completamente soli. A riferirlo questa mattina i dirigenti dell'area welfare del Comune di Bologna nel corso della commissione Politiche sociali di Palazzo D'Accursio.

Ad oggi, "la quasi totalità dei minori ucraini arrivati a Bologna è accompagnata da adulti in grado di dimostrare un rapporto di parentela o di tutela". Sono invece 50 quelli risconosciuti come minori non accompagnati, cioè privi di adulti di riferimento, ospitati comunque in 25 famiglie. "I minori effettivamente soli sono due", si spiega a Palazzo D'Accursio. Uno viene da un orfanotrofio ucraino e aveva già un legame con una famiglia italiana nell'ambito dei progetti Chernobyl. Allo scoppio della guerra si trovava già ospitato a Bologna e la famiglia era già riconosciuta come affidataria. L'altro minore solo, invece, è accolto a Castel Maggiore, dove il Comune e la Polisportiva hanno chiesto che possa rimanere sul territorio.

"Sappiamo però che c'è anche del sommerso", avvertono dal Comune di Bologna, cioè i minori sono stati accolte in famiglie o conoscenti che non si sono rivolti alle istituzioni, pertanto Palazzo D'Accursio sta svolgendo verifiche, anche per dare comunicazione al Consolato ucraino in Italia. Esclusi quelli provenienti dall'Ucraina, in tutto a Bologna sono 400 i minori soli non accompagnati. Il tema è emerso a seguito della presentazione di un Ordine del giorno di Marta Evangelisti, consigliera comunale di Fratelli d'Italia, che chiede al Comune di pubblicare un bando per la ricerca di tutori, cioè di famiglie bolognesi disponibili per questa emergenza a prendersi in carico i minori ucraini non accompagnati. Una proposta che la dem Meri De Martino chiede di estendere anche agli altri minori soli sul territorio di Bologna, non solo quelli in fuga dalla guerra nell'est Europa.

I rifugiati in città

Sui quasi 4.000 rifugiati ucraini, al momento sono 480 le persone accolte nei Cas e 157 nel sistema Sai, di cui 140 in struttura, con priorità data alle persone con fragilità di vario tipo. A queste si aggiungono 17 persone accolte in famiglia nell'ambito del progetto Vesta, iniziativa per la quale si sono candidati circa 900 nuclei, di cui però hanno dato poi conferma in 182: con loro sono in corso colloqui individuali e visite a domicilio per valutare le possibilità di accoglienza.

Dall'11 marzo a oggi all'hub allestito dal Comune sono stati registrati 1.533 accessi, di cui 658 minori legati a 646 famiglie. L'hub ha poi gestito direttamente 338 accoglienze in città tra hub, Sai, Vesta e Caritas. Sono inoltre 115 le famiglie, per un totale di 360 persone, che hanno collocazioni autonome, che il Comune tiene monitorate e per le quali sta cercando una sistemazione. Oltre ad aver chiesto al Ministero ulteriori 350 posti nel sistema d'accoglienza, Palazzo D'Accursio in queste settimane ha attivato 100 posti e altri 173 saranno disponibili da metà maggio. Sono inoltre 42 le strutture di accoglienza ad oggi utilizzate, di 23 alloggi messi a disposizione da privati cittadini. "Ci sono anche cittadini che si sono offerti di coprire l'affitto in struttura- spiegano i dirigenti del Comune- e aziende che hanno dato disponibilità per l'inserimento lavorativo". E' attiva anche una collaborazione con l'Ateneo per la formazione linguistica degli ucraini e per l'impiego di studenti volontari come mediatori nell'hub. (dire)

Tornano i centri estivi e i bonus alle famiglie: "Inseriti anche i bimbi ucraini"

Accoglienza profughi Ucraina, Priolo: "Più proporzionale, preoccupazione numero così elevato"

Ucraina, perchè dalla guerra scappano donne e bambini

In fuga dalle bombe, le testimonianze

In fuga dalle bombe con il pancione. Il lungo viaggio di Julia | VIDEO 

Le telecamere di BolognaToday al confine con l'Ucraina | VIDEO 

"Olena non mangiava e non dormiva": il viaggio in Ucraina per salvare figlia e nipotini 

"Casa sbriciolata dalle bombe": Nadia, Paolo e i loro 9 figli in salvo a Loiano

Olga in fuga da Kiev con la figlioletta: "Scappati di fretta, senza green pass, un'odissea" 

 "Ho guidato per 35 ore con mia madre e miei tre figli" | VIDEO

Bimba in adozione, poi la fuga (appena in tempo) dalla guerra  

 "Fuga nella notte. 15 km di coda al confine. Racconto e mi sembra tutto surreale" 

 I primi 12 profughi ucraini accolti a scuola | VIDEO 

Nella Chiesa ucraina : "Cuore e anima nella mia terra bombardata" | VIDEO

I primi profughi arrivano all'ex covid hotel | VIDEO 

"La guerra? Speriamo finisca presto": la lunga fila dei profughi ucraini in piazza 

Accoglienza profughi Ucraina a Bologna, tutte le info

Emergenza Ucraina: cosa deve fare chi arriva a Bologna 

Emergenza profughi Ucraina: ecco come accedere alle cure e all'assistenza sanitaria a Bologna 

Emergenza Ucraina e accoglienza: cosa è e come funziona il Progetto Vesta 

Dai contatti cui rivolgersi, ai Cas: come è strutturata la rete di accoglienza profughi Ucraina

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 1.100 minori ucraini a Bologna, 50 non accompagnati: "Ma c'è anche il sommerso"

BolognaToday è in caricamento