menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Petroni, si masturba in aula studio addosso a una studentessa

E' accaduto ieri in via Petroni. La vittima è una ragazza di 21 anni che ha fatto denuncia: riconosciuto l'uomo grazie a una foto segnaletica ha fatto sì che venisse arrestato. Il soggetto aveva già fatto una cosa analoga davanti a un asilo

Un grave episodio di molestie sessuali nell'aula studio di via Petroni. Lo ha denunciato ieri sera una studentessa 21enne alla Polizia dopo che qualche ora prima (erano le 16.30 circa) aveva subito un 'approccio' decisamente sconvolgente mentre lei era seduta libri alla mano insieme a due amiche. 

Alle sue spalle un uomo le stava riservando delle attenzioni particolari, arrivando a denudarsi nelle parti intime e a masturbarsi, sporcando poi la ragazza. Dato l'allarme dalle giovani, un ragazzo lo insegue e segnala l'accaduto ad alcuni agenti della Polizia nel frattempo sipraggiunti, senza però riuscire a descrivere il volto dell'uomo. La vittima intanto, sconvolta, è corsa a casa per togliersi da dosso le tracce di quella esperienza disgustosa. 

Poco dopo la Polizia ha fermato un uomo che corrispondeva alla descrizione e che è stato poi riconosciuto dalla 21enne. Si tratta di un soggetto già noto alle forze dell'ordine: un calabrese del 1992 che aveva fatto la stessa cosa lo scorso 4 maggio davanti a un asilo.   

Il 25enne, che non è domiciliato a Bologna, è stato arrestato per violenza sessuale aggravata e si trova ora alla Dozza in attesa di convalida. 

"Purtroppo certe persone riescono a entrare lo stesso anche facendosi prestare il badge da qualcun'altro" scandisce spazientito il custode della sala studio, ammettendo però che spesso è costretto a fermare estranei che si presentano davanti l'ingresso. La scena si presenta poco dopo: un signore, apparentemente un senza fissa dimora, bussa alla porta all'ingresso della sala studio dopo aver inutilmente chiesto il badge in prestito ad alcuni studenti, intenzionati a fumare una sigaretta.

"La situazione è complicata - osserva uno dei ragazzi che frequenta l'aula studio di via Petroni -- è chiaro che non si può risolvere la cosa solo con le porte con il badge". Oltre al filtro all'ingresso unibo ha deciso di mettere anche un custode fisso appena dentro l'accesso da via Petroni. "Bisogna stare attenti, perché poi l'altro accesso (via Acri) rimane spesso sguarnito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento