Stretta sui monopattini elettrici, l'assessore: "Fanno quello che vogliono", in arrivo la norma

"Ha gli stessi diritti e doveri di qualsiasi altro mezzo di trasporto, è sostanzialmente una bici e deve rispettare il Codice della strada"

"Sta diventando un problema, perchè molti di questi sono convinti che possono fare sostanzialmente quello che credono". Lo ha detto in Consiglio comunale l'assessore ai trasporti Claudio Mazzanti riferendosi ai molti utilizzatori di monopattini elettrici in città, discutendo un ordine del giorno di Dora Palumbo (Gruppo misto).

L'assessore riferisce di due riunioni in sede Anci nazionale e ricorda che "con la legislazione attuale il monopattino ha gli stessi diritti e doveri di qualsiasi altro mezzo di trasporto, è sostanzialmente una bici e deve rispettare il Codice della strada".

Monopattini pericolosi, il Comune: "Più controlli in città" 

Bologna sta mettendo quindi a punto "un vademecum" che, una volta raggiunta l'intesa con il ministero dei Trasporti diventerà "una norma inserita nel regolamento attuativo del Codice della strada". Quindi l'invito agli utilizzatori è in sostanza quello di darsi una regolata. Da Mazzanti parte il richiamo "a una maggiore regolarità nell'uso di questo mezzo e, per i fenomeni più pericolosi, che creano piu' problemi, servono anche controlli e interventi anche della polizia, per evitare danni a chi li usa e a terzi".

Poi c'è la questione di monopattini truccati che l'assessore aveva già portato il Consiglio comunale a metà settembre. Prima però c'è da colmare alcuni 'buchi' nelle normative e nei controlli, infatti, se ci sono norme e procedure consolidate per contrastare la manomissione dei motori a scoppio, ancora non è così per quelli elettrici: "Non abbiamo ancora una normativa e una strumentazione omologata per poterli colpire", dice l'assessore. 

I monopattini elettrici vedono "un boom di vendite spaventoso, è diventato un forte business", anche per via del bonus del Governo, sottolinea Mazzanti, non a caso "ci sono tantissime società che si propongono ai Comuni, ma dopo l'esperienza milanese molti se ne guardano bene (revoca della licenza a società di sharing - ndr), fanno lo sharing delle bici e delle auto, ma sui monopattini stanno bne attenti a non andare avanti fino a che non ci sarà una formulazione più precisa del Codice della strada". (dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento