Monterenzio, incendio all'asilo: bambini a scuola nel parco, dopo i gazebo arrivano le tende

Lezioni all'aperto nel Parco dei Ciliegi. Il sindaco: "Era la soluzione migliore vista la situazione"

I bambini a lezione nel parco a Monterenzio, tra gazebo e tende

Lezioni all'ombra di gazebo nel parco e in caso di maltempo nei tendoni della Protezione Civile, in attesa che la scuola torni agibile. Siamo a Monterenzio, dove la settimana scorsa,  a pochi giorni dall'avvio del nuovo anno scolastico, è andato a fuoco parte del tetto della struttura che ospita l'asilo e dove erano in corso dei lavori: incendio che ha reso la scuola inagibile. Così Comune e scuola hanno dovuto trovare una soluzione alternativa: lezioni all'aperto nel Parco dei Ciliegi.

I bambini che frequentano l'asilo sono 68, ma lunedì non tutti hanno ripreso le lezioni. Costretti a casa infatti, 19 alunni di tre anni per i quali non poteva essere ancora garantito il rispetto di tutte le regole anti Covid. "Lunedì sono partite le lezioni per gli alunni più grandi - spiega a BolognaToday il sindaco Ivan Mantovani - mentre i più piccoli partono il 21 settembre. E' bene spiegare che quella dei gazebo all'aperto è stata un'idea dell'amministrazione, al fine di permettere l'avvio dell'anno scolastico in attesa che la scuola torni agibile. L'incendio fortunatamente non ha causato problemi alla struttura, ma quando si verifica un evento simile ci sono dei tempi precisi per il ripristino, e in attesa del 26 settembre - incalza il primo cittadino - giorno in cui l'asilo dovrebbe essere riaperto, abbiamo dovuto cercare qualche alternativa".

E ancora: "La soluzione migliore era sfruttare l'aria aperta e il clima ancora mite, e per fare ombra abbiamo messo dei gazebo. Il Provveditorato si è poi mosso attivando anche il Ministero dell'Istruzione, e ieri  sono state montate delle tende della Protezione Civile da utilizzare in caso di maltempo. In ogni caso si tratta di una situazione momentanea - sottolinea Mantovani - perchè se tutto procede come previsto, tra una decina di giorni tutti i bambini potranno rientrare nella loro scuola. In un primo momento era stata avanzata l'ipotesi di frazionare le sezioni tra le varie strutture del territorio, come palestre e musei, ma non c'era personale a disposizione per coprire tutti i luoghi. Far fare lezioni ai bambini all'aria aperta in attesa che la scuola torni agibile è stata la soluzione migliore".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio Elettra Lamborghini: tutti i dettagli della cerimonia a poche ore dal 'si'

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Pianoro, morto il 17enne coinvolto nell'incidente auto-moto

  • Coronavirus, altri 4 studenti positivi in 4 scuole: 78 in quarantena

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +99 positivi, 33 nel Bolognese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento