Incidente a Monzuno: scappa dopo il frontale, Carabinieri lo trovano alla stazione

Emergono dettagli sul seguito del brutto incidente che questa notte ha visto coinvolte due autovetture

Si è concluso con un arresto, i cui dettagli sono stati diffusi solo nella tarda mattinata, il rovinoso incidente che a Vado di Monzuno ha portato due persone in ospedale. Un 29enne, nato a Bologna e residente a Grizzana Morandi, è stato infatti rintracciato dai Carabinieri di Monzuno alla stazione di Vado, e quindi ammanettato.

La fuga risale agli attimi immediatamente successivi all'incidente: sono state le altre vittime dell'incidente, un 71enne e una 39enne, ad avvertire i militari di quanto accaduto.

Per il giovane il tribunale di Bologna ha confermato l'arresto per omissione di soccorso, e ora sul 29enne pende un obbligo di presentazione giornaliera alla Polizia Giudiziaria, in attesa dell'udienza, posticipata per i termini a difesa.      

Lo steeso 29enne si era già reso responsabile di un’altra vicenda: la settimana scorsa era entrato in un bar e, una volta ubriaco, ed armato di coltello, aveva fatto accesso ad un locale sito in via Porrettana Nord, a Marzabotto, minacciando il titolare per avere da bere. Nell’occasione il giovane era stato prontamente bloccato ed arrestato dai Carabinieri della locale Stazione.

Potrebbe interessarti

  • 7 alimenti che fanno ingrassare invece che dimagrire

  • Un faro in montagna? Esiste a Gaggio Montano

  • Amanti del vinile? 4 imperdibili negozi a Bologna

  • Come smettere di fumare: trucchi e consigli

I più letti della settimana

  • Incidente in A1, un morto: traffico bloccato la domenica del rientro

  • Nuova rotta Ryanair: da Bologna a Kutaisi due volte a settimana

  • West Nile, zanzare positive a San Giovanni in Persiceto

  • Concorsi pubblici, Unibo cerca 57 amministrativi: c'è tempo fino al 5 settembre

  • San Lazzaro, azzarda un'inversione e provoca incidente: incastrato dalle telecamere

  • Furto in casa: svaligiano la camera mentre i proprietari dormono

Torna su
BolognaToday è in caricamento