Cronaca Monzuno

Monzuno, uomo tenta il suicidio: tragedia evitata dall'allarme della moglie

L'hanno trovato chiuso in bagno e riverso in una pozza di sangue, i Carabinieri intervenuti dopo l'allarme lanciato dalla compagna dell'uomo, che in preda a "cattivi pensieri", ha tentato di togliersi la vita

L'uomo da giorni era in preda a "cattivi pensieri", così con un gesto autodistruttivo ha tentato di poerre fine alle sue angoscie. Ieri mattina si è chiuso in bagno e ha provato a farla finita. La tragedia a Monzuno è stata evitata solo grazie all'allerta dato dalla moglie, che angosciata ha allarmato i Carabinieri.

La donna, uscita di casa alcune ore prima per andare a lavoro, preoccupata per lo stato psichico del coniuge, rimasto solo in casa e che da alcuni giorni era angosciato da “pensieri tristi”, lo aveva chiamato più volte al cellulare non ottenendo alcuna risposta.

Temendo il peggio e non trovando il coraggio di far rientro da sola in casa, si è precipitata presso la Caserma dei Carabinieri di Monzuno chiedendo aiuto. Nel giro di pochi minuti i militari hanno accompagnato la donna presso l’abitazione dove, dopo aver controllato le stanze, hanno notato che la porta del bagno era chiusa a chiave dall’interno, da dove si percepivano a stento flebili lamenti.

I Carabinieri hanno quindi sfondato a spallate la porta trovando l’uomo quasi esanime riverso nella vasca da bagno in una pozza di sangue con i polsi recisi con un coltello da cucina, trovato per terra. L’immediato intervento del personale sanitario  ha così consentito, appena in tempo, di salvargli la vita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monzuno, uomo tenta il suicidio: tragedia evitata dall'allarme della moglie
BolognaToday è in caricamento