menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Anna Majani

Anna Majani

Addio alla signora del cioccolato Anna Majani: "Rimarrà sempre nei nostri cuori"

La storica azienda bolognese saluta la sua imprenditrice, morta ieri all'età di 85 anni

"Arrivederci Signorina, rimarrà sempre nei nostri cuori". Così la Majani, storica casa cioccolatiera di Bologna, saluta la sua imprenditrice, morta ieri all'età di 85 anni.

La signora Anna era vicepresidente della casa di cioccolato più antica d'Italia. Fondata nel 1796, l'azienda è la produttrice di alcuni dei più famosi cioccolatini sul mercato come il Cremino Fiat e la Cioccolata Scorza.

Il ricordo del sindaco Merola e dell'assessore Lepore

"Profondo cordoglio per la morte di Anna Majani, imprenditrice e donna di cultura che tanto ha dato alla nostra città. Il suo impegno e il suo lavoro – scrive il sindaco in una nota – hanno contribuito a tenere alta la reputazione di Bologna e dell’Italia nel mondo. Le mie condoglianze alla sua famiglia a nome della giunta e di tutta l’Amministrazione Comunale".

"La signorina Majani ci ha lasciati. Amava questa città e la sua storia. Anna Majani è stata a capo di un'azienda che in 225 anni, di generazione in generazione, ha sempre mantenuto il suo cuore a Bologna, portando il nome dell'Italia in tutto il mondo. Una storia iniziata nel 1796 grazie ad un'altra donna, Teresina Majani, e che oggi prosegue grazie all'eredità del saper fare impresa lasciata a suo figlio da Anna Majani". 

"Amava il teatro e la musica – scrive l'assessore alla Cultura, Matteo Lepore – e si spendeva per il bene della cultura cittadina da sempre. Con lei scompare una figura emblematica della società bolognese che ha saputo unire competenze, cura delle buone relazioni e spirito democratico. Voglio ringraziarla pubblicamente, sono stato ospite più volte a casa sua come tanti e per me è stata un’occasione imperdibile di confronto e amicizia".

"Da ultimo voglio ricordare il suo impegno come membro del Consiglio di Amministrazione del Teatro Comunale di Bologna, come socia sostenitrice di molte associazioni musicali cittadine e la sua opera alla presidenza della Casa di riposo per artisti Lidia Borelli. Luogo unico e di estrema rilevanza per la storia artistica di Bologna e dell’Italia", conclude.

I commenti sui social

"Cara Signorina, sento già la sua mancanza – si legge su Facebook – è stato un piacere immenso poterla conoscere. Sincere condoglianze alla famiglia", e poi ancora si legge tra i commenti: "Una grande perdita per il mondo del cioccolato italiano. Sincere condoglianze dalla Compagnia del Cioccolato e mie personali alla Majani e alla famiglia", "Una grande donna, un esempio per l'imprenditoria femminile che ha saputo portare avanti la tradizione del cioccolato artigianale ma rinnovando il gusto con la ricerca continua di nuove miscele e abbinamenti. Resterà nella nostra memoria".

La storia della Majani

La Majani nasce nel 1796 in una piccola bottega nella Bologna appena annessa alla Repubblica Cispadana, occupata dalle truppe napoleoniche. Dietro il bancone, Teresina Majani, capostipite della più antica famiglia di cioccolatieri in Italia, realizza le prime delizie dell’Antica Casa.

Nel 1892 viene inventata la Scorza Majani, il primo cioccolato in forma solida prodotto in Italia. La "Scorza", così chiamata per via della somiglianza alla corteccia dell'albero, viene prodotta con un macchinario fatto costruire appositamente e diventa un prodotto leggendario, ancora oggi inimitabile.

Nel 1908 la famiglia commissiona al celebre architetto Sezanne un palazzo liberty nella centralissima via Indipendenza dove trasferisce laboratorio, negozio e abitazione. Nel 1911, poi, nasce la vera meraviglia di casa Majani: il Cremino FIAT, in onore dell’oggetto di lusso per eccellenza della Belle Epoque, l’automobile. La Fiat indice una gara per celebrare l’uscita sul mercato del modello Tipo 4 e Majani con il suo stupefacente cremino a 4 strati la vince, superando la concorrenza di tutti i cioccolatieri torinesi.

Negli anni Cinquanta, a causa della Seconda Guerra Mondiale il laboratorio torna temporaneamente nella vecchia sede ma presto il Caffé Majani di via Indipendenza, culla della cultura del buon cioccolato, diventa teatro della "dolce vita bolognese", ospitando artisti e personaggi celebri.

La Majani di oggi, con sede a Crespellano, realizza i suoi capolavori di cioccolato seguendo tuttora i metodi di produzione tradizionali e le antiche ricette tramandate di generazione in generazione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento