20enne morta alla Ex Staveco: a chiamare i soccorsi un uomo, ora irreperibile

A chiamare i soccorsi un uomo in sua compagnia, ora irreperibile

Si chiamava Linda, la ragazza di soli 20 anni, trovata morta questa mattina all'alba dai soccorritori, giunti all'interno dei locali della Ex officina Staveco di viale Panzacchi, luogo da tempo in attesa da anni di essere recuperato e diventato riparo per persone senza fissa dimora.

La ventenne, residente formalmente a Potenza ma da qualche giorno in città, sarebbe stata male proprio mentre stava passando la notte all'interno di una delle caserme abbandonate all'interno del complesso. A chiamare il 118, sarebbe stato un suo amico, cittadino italiano e coetaneo della vittima. L'uomo ora sarebbe irreperibile, i Carabinieri stanno cercando di rintracciarlo.

Sarà il medico legale a stabilire la causa esatta del decesso: il corpo comunque, ad una prima ispezione visiva, non presenta segni evidenti di violenza e le indagini propendono per un malore, forse a seguito di una assunzione di sostanze stupefacenti. Non sono state trovate droghe sul posto, ma sono state rinvenute alcune siringhe nuove.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    In casa oltre 10 chili di droga: scovati 'ingrossi' in centro e in via Zanardi

  • Europa

    Elezioni Europee, il candidato Michele Facci: "L'Italia fin'ora ha solo subito l'UE"

  • Cronaca

    Furto in casa a Persiceto: entra dalla finestra, arrestato

  • Cronaca

    Aggredita e perseguitata, scatta misura cautelare per 37enne

I più letti della settimana

  • Incidente a Pianoro, frontale Lamborghini-Minicooper: Futa bloccata

  • Terremoto in Appennino: scossa avvertita a Castel D'Aiano

  • Ragazza travolta dal bus: è grave in ospedale

  • Conclusa la Nuova Bazzanese, sabato l’apertura al traffico

  • Il Giro d'Italia torna nel bolognese: le modifiche alla viabilità

  • Incidente in porta Sant'Isaia: donna travolta e ferita dal bus, rischia una gamba

Torna su
BolognaToday è in caricamento