rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca Zona Universitaria / Via Zamboni

Morto in casa in via Zamboni, ipotesi overdose per mix di droghe

Per avere certezza però occorrerà attendere i risultati dell'autopsia

Sarà l'autopsia a certificare le cause della morte di Andrea Silvio Rocchetto, 28enne originario del cosentino dichiarato morto nel pomeriggio di domenica in un appartamento di via Zamboni, in piena zona universitaria. A togliere la vita al ragazzo sarebbe stato un arresto cardiocircolatorio. I sanitari, giunti sul posto chiamati dagli ospiti del ragazzo, hanno provato a far rianimare il giovane, senza successo.

Il pm Bruno Fedeli ha disposto l'esame autoptico, passaggio obbligato il cui esito sarà messo agli atti di un fascicolo fino a ora senza iscritti ma con l'ipotesi di morte in conseguenza di altro reato. Sul corpo non ci sarebbero segni di violenza visibili.

Nel frattempo i Carabinieri di Bologna Centro stanno ascoltando chi ha passato con il 28enne il fine settimana, tra amici e conoscenti. Una delle ipotesi che sta prendendo piede -ma per la conferma bisognerà attendere l'esito delle analisi- è che il giovane sia stato stroncato da un malore, in conseguenza dell'assunzione di un mix di droghe.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto in casa in via Zamboni, ipotesi overdose per mix di droghe

BolognaToday è in caricamento