Cronaca

A Forlì una mostra dedicata a Freak Antoni degli Skiantos

Riproduzioni di immagini fotografiche, proiezioni di immagini dal vivo dei suoi concerti, film, cartelli usati dal vivo, t-shirts, ritratti originali che i tanti artisti gli hanno dedicato

Una mostra gratuita dedicata al leader degli Skiantos Freak Antoni, scomparso nel febbraio 2014. Non è a Bologna, ma nel forlivese, al Museo Renzi di San Giovanni in Galilea, frazione del comune di Borghi e bellissimo paese. Il 29 luglio si inaugureranno due mostre esclusive, curate in sinergia con gli organizzatori di SoundZan Festival 2017, festival eco-friendly con scorci sonori, mostre & arti circensi e di strada ed un percorso culinario per palati fini. Una di queste è appunto dedicata a Freak. 

La prima e piu' "cospicua" esposizione sarà un anteprima ed esclusiva nazionale sull'artista FREAK ANTONI, (1954-2014), leader degli SKIANTOS. Sviluppata in sinergia con all'associazione "We Love Freak" che si occupa di promuovere culturalmente l'unico e vero pioniere del rock "demenziale", creatore di aforismi taglienti e uomo di grande apertura mentale.

La mostra esporrà diversi oggetti collezionati da Freak Antoni, riproduzioni di immagini fotografiche, proiezioni di immagini dal vivo dei suoi concerti, film, cartelli usati dal vivo, t-shirts, ritratti originali che i tanti artisti gli hanno dedicato (Pazienza, Manai, Giacon...), ma anche testi, scalette, indumenti....

Una mostra che nasce dalle attività di We love freak, associazione nata per diffondere e divulgare il grande patrimonio culturale legato a Roberto Freak Antoni e realizzare progetti sulle culture alternative. Da We Love Freak nasce il crowdfunding per la realizzazione di una statua a lui dedicata la Toilet 1°, maggiori informazioni su www.welovefreak.it 

Entrambe le mostre saranno per tutta la loro dura ingresso gratuito e visitabili nei normali orari del Museo fino al 31 agosto 2017.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Forlì una mostra dedicata a Freak Antoni degli Skiantos

BolognaToday è in caricamento