rotate-mobile
Cronaca Savena / Via Parisio

Mulino Parisio, al via demolizione: 'Ancora non si sa dove portarlo e che farne'

Ancora non si sa che destino avrà la storica ciminiera. "Neppure dove metterla per il momento. Il Comune vorrebbe esporla'. Saranno tagliati i 2/3, resterà solo la base: l'operazione richiederà un paio di giorni

Le gru sono arrivate già prima delle 8 del mattino sotto la storica ciminiera del Mulino Parisio. Una folta squadra di uomini indaffarata a transennare l’area, imbragare la struttura. Bologna si prepara oggi a dare l’ultimo addio ad uno dei suoi cimeli. Non sarà salvato dai danni apportati dal tempo prima, dal terremoto di questi giorni poi. La struttura, di proprietà privata, verrà abbattuta – per circa 2/3 – tagliandola a fette (VIDEO DELLA 'DECAPITAZIONE' IN DIRETTA). Resterà solo la base, in ricordo. Questo l'epilogo dopo la dichiarazione di stato di pericolosità della struttura- a seguito delle recenti scosse - e l'ordine di evacuazione degli edifici circostanti.

Lorenzo Tagliavini – supervisor dello stato d’opera di demolizione – aggiorna sulle fasi: ‘Probabilmente oggi non riusciremo a concludere l’operazione di abbattimento. Lo spessore della ciminiera è di 35 centimetri e per questione di peso non sarà possibile effettuare il tutto in una sola giornata. Occorreranno forse due o tre giornate di lavoro."

“Ora quello che però pare più stringente è stabilire dove trasportate la parte demolita e che farne. Ancora non si sa." – aggiunge Tagliavini - "L’idea del Comune è quella di rimontarla e lasciare in esposizione il pezzo mozzato. Ma non si è decisa la collocazione, quindi bisogna trovare una sistemazione temporanea.”

Mulino Parisio: le operazioni di demolizione

C’è aria da funerale in zona stamattina: una piccola folla di curiosi, soprattutto anziani che vivono nei dintorni , si sono accalcati per vedere il procedere dei lavori. E commentano, dispiaciuti, proponendo talora improbabili soluzioni: ‘Non si doveva abbattere – tutti dicono’; mentre qualcuno azzarda: ‘Si poteva mettere in sicurezza dentro una teca di cristallo, poi illuminarla da sotto. Per esaltarla. Come hanno fatto con la Torre Eiffel’.


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mulino Parisio, al via demolizione: 'Ancora non si sa dove portarlo e che farne'

BolognaToday è in caricamento