rotate-mobile
Cronaca

Rifiuti abbandonati, 45 quintali di indifferenziati in ogni quartiere. In estate 400 multe

I dati. Ogni giorno il 97% dei rifiuti viene conferito correttamente

Solo a luglio e agosto, 386 multe fatte a Bologna per violazione delle norme sui rifiuti. È l'effetto, anche, dell'aumento delle telecamere mobili contro l'abbandono del "rusco" rispetto al 2021, salite da otto a 14. Il problema dell'abbandono dei rifiuti, riporta la Dire, è stato affrontato anche dagli spazzini di quartiere, che segnalano in media 45 quintali di rifiuti indifferenziati fuori dei cassonetti in ciascun quartiere dove sono stati introdotti.

Si tratta di sacchetti, ma anche di oggetti come valigie e ventilatori. Tuttavia, "complessivamente ogni giorno il 97% dei rifiuti viene conferito correttamente", sottolinea l'assessore comunale Simone Borsari. Per quanto riguarda i rifiuti ingombranti, solo in agosto sono arrivate 540 segnalazioni. Borsari, facendo oggi al question time un bilancio delle novità introdotte nella raccolta dei rifiuti, parla di "ottimi risultati in seguito alla introduzione della carta smeraldo". A giugno si è arrivati in città al 62% di raccolta differenziata, ma ci sono aumenti anche del 20% in singole zone raggiunte dai cassonetti con la 'card'. Confermato per la prossima primavera, invece, l'addio al porta a porta in centro. Ma il progetto è "ancora in fase di studio e perfezionamento insieme al gestore".

L'amministrazione comunque "è sul pezzo e sta dando risposte concrete. Abbiamo imboccato la strada giusta". Sullo spazzino di quartiere, afferma Borsari, ci sono già "risultati evidenti e apprezzati dai cittadini". "E' servizio integrativo per incrementare il decoro, non è una toppa- replica l'assessore a Stefano Cavedagna di Fratelli d'Italia- ma un tassello in una strategia più complessiva"

Per quanto riguarda i topi, sono un "fenomeno diffuso nelle grandi città", fa notare Borsari, soprattutto d'estate. Il Comune comunque "non solo assicura regolari trattamenti di derattizzazione, ma interviene ogniqualvolta riceve segnalazioni specifiche". Fratelli d'Italia però non fa sconti: Cavedagna si dice "insoddisfatto dalla scelta politica: già nel 2018 Merola disse che il porta a porta sarebbe stato modificato, ora Lepore torna a dirlo prima del voto. Speriamo stavolta la promessa venga mantenuta, perché non aspetteremo le prossime elezioni".

Soddisfatto invece, sui banchi della maggioranza, Filippo Diaco. Quelli forniti dall'assessore "sono dati importanti, ma non bisogna abbassare la guardia. I 386 verbali devono essere un segnale verso un maggiore senso civico". Samuela Quercioli di Bologna ci piacm, invece, promette: "vigileremo che l'eliminazione del porta a porta avvenga entro primavera e vigileremo anche sulla modalità che verrà scelta".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti abbandonati, 45 quintali di indifferenziati in ogni quartiere. In estate 400 multe

BolognaToday è in caricamento