Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Via Castiglione

Liste truccate all'Ospedale Maggiore: i Nas acquisiscono documentazione nella sede Ausl

In mattinata nella sede in via Castiglione, per acquisire documentazione in seguito all'esposto anonimo che denuncia un presunto "sistema" messo a punto per fare più strordinari

I carabinieri del Nas in mattinata sono stati nella sede dell'Ausl di Bologna, in via Castiglione, per acquisire documentazione utile all'inchiesta che stanno svolgendo, coordinati dal pm Morena Plazzi, in seguito ad un esposto anonimo che denunciava liste d'attesa gonfiate ed esami fantasma nel reparto di Radiologia dell'ospedale Maggiore. Un sistema che sarebbe servito a far fare ai sanitari prestazioni serali in regime di 'simil-Alp', cioè attività libero professionale con straordinari pagati dall'Ausl, senza ripercussioni sulle tasche dei pazienti.

Il fascicolo aperto della Procura risulta ancora essere iscritto a 'modello 46', quello previsto per gli anonimi, e senza titoli di reato ipotizzati. Ai Nas - per verificare quanto scritto nella denuncia firmata da 'un piccolo gruppo di tecnici di radiologia' - sono stati delegati accertamenti preliminari e per questo sono stati nei giorni scorsi al Maggiore, in mattinata all'Ausl. Intanto dalla stessa Procura arriva un messaggio rassicurante per i pazienti: ''Nè la qualità del servizio, nè la professionalità sono in discussione'', ha chiarito il procuratore aggiunto Valter Giovannini, delegato ai rapporti con la stampa. Intanto, a quanto riferito dall'edizione locale di Repubblica, anche la Procura della Corte dei Conti ha aperto un fascicolo sulla vicenda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liste truccate all'Ospedale Maggiore: i Nas acquisiscono documentazione nella sede Ausl

BolognaToday è in caricamento