Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Navigator, la protesta anche a Bologna: "Ad aprile scade il contratto" | VIDEO

In attesa di ricevere certezze in merito a un eventuale riconferma o prolungamento del contratto, a Bologna i manifestanti sono riusciti ad incontrare la prefetta Francesca Ferrandino

 

Sono 'nati' ai tempi del Governo giallo-verde, con l'istituzione del reddito di cittadinanza, come figura di riferimento per trovare un posto di lavoro. Ora i loro contratti sono in scadenza e rischiano di rimanere a casa.

Per questo Nidil-Cgil, Felsa-Cisl e Uiltemp hanno promosso in tutta Italia una mobilitazione per chiedere chiarezza sul futuro dei 2.700 navigator attualmente assunti con contratto a tempo determinato. Tra le città toccate anche Bologna, con un sit-in davanti alla Prefettura. Il loro ruolo non è, chiariscono, "creare posti di lavoro", ma "segnalare le offerte ai percettori del reddito di cittadinanza, che possono accettare o rifiutare".

In questo, nell'anno e mezzo di attività svolta, "abbiamo prodotto risultati tangibili, ottimi risultati", racconta alla 'Dire' Salvatore Albanese, navigator di Modena. La situazione dell'Emilia-Romagna è migliore rispetto ad altre regioni, spiega: qui "siamo fortunati perché abbiamo la possibilità di lavorare in collaborazione con un'agenzia che è efficiente e ha una struttura rodata. Il livello delle competenze è altissimo e i risultati sono ottimi".

I navigator sono "giovani laureati, italiani, una media di laurea alta, 107 su 110, siamo dei precari, la maggior parte di noi è rappresentata da colleghe donne". In Emilia-Romagna sono 125 in tutto, 35 a Bologna. A Modena, dove lavora Albanese, sono in 25. E fra tre mesi scarsi, ad aprile, per tutti scadrà il contratto con Anpal. Sebbene sia stata siglata una convenzione triennale tra regioni e ministero "per utilizzare i navigator fino alla fine del 2022, dopo un anno e mezzo ci dicono che rischiamo di restare a casa".

In attesa di ricevere certezze in merito a un eventuale riconferma o prolungamento del contratto, a Bologna i manifestanti sono riusciti a incontrare la prefetta Francesca Ferrandino. "Il prefetto ha ricevuto una delegazione di noi con i sindacati, abbiamo reso esplicita la piattaforma alla base delle nostre istanze, ha ricevuto le nostre richieste e espresso solidarietà. Si farà portatore delle nostre istanze al ministero e presso gli enti competenti", conclude Albanese.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento