Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Neve, 6 giorni dopo "Big snow" ancora criticità sulle strade e famiglie senza corrente

Neve costipata ancora sui piani viabili e alberi in stato precario. In particolare disagi, con percorribilità precaria, nei comuni di Monghidoro e Camugnano e Castiglione dei Pepoli. Ancora al buio Valsamoggia e Zola

Sei giorni dopo "Big snow" si registrano ancora criticità sulle strade provinciali e continua a mancare l'energia elettrica in alcuni comuni del bolognese. Così aggiorna al pomeriggio odierno una nota della città metropolitana.  Nel dettaglio, oltre i 700 metri la temperatura si è innalzata e non è andata sotto allo 0 neppure nella notte passata. Ciò ha allentato lo strato della neve costipata che è ancora presente sui piani viabili. Pertanto, anche oggi su numerose strade si è dovuto intervenire oltre che con le lame spartineve anche con sale e pale caricatrici gommate.

In particolare, si segnalano quindi ancora disagi, con percorribilità precaria, nel territorio dei comuni di Monghidoro e Camugnano e Castiglione dei Pepoli.
"Le segnalazioni - si legge ancora nella nota - ci sono pervenute, oltre che dal personale operativo del Servizio Manutenzione Strade e da alcuni cittadini che peraltro ringraziamo per la comprensione e la collaborazione." Gli interventi sono stati svolti durante tutta la giornata odierna e l'amministrazione fa sapere che si è risolta "definitivamente buona parte delle criticità segnalate". Si proseguirà comunque anche nella giornata di domani per ricondurre la situazione "alla quasi normalità".

Resta inoltre un cospicuo intervento da programmare relativo ai numerosi alberi in precario stato di equilibrio e alla riduzione di molte ramaglie ancora precarie, o già a lato strada, che costituiscono tutt’ora un impedimento ad usufruire della intera carreggiata.  Su questa lavorazione si sta predisponendo un piano di intervento correlato anche alle risorse economiche necessarie.

FAMIGLIE ANCORA AL BUIO. Sono Valsamoggia e Zola Predosa i comuni dove ancora gli strascichi del blackout Enel continua a creare disagi.
Il sindaco di Valsamoggia, Daniele Ruscigno, così riportava la situazione nella mattinata odierna: "E' iniziato il ripristino delle singole utenze. Ci vorrà tempo visto che in alcuni casi va ricostruita l'intera linea di tralicci abbattuti. In molte zone la luce è nuovamente andata via perché le decine di generatori sparsi nell'Appennino cominciano a rimanere senza gasolio. Per questo oggi inizia la ricostruzione e ripristino anche di porzioni di rete." Poi l'appello dell'Amministrazione ai cittadini: "Se siete tra quelli nuovamente senza luce, comunicatelo nuovamente a Enel 803 500 anche se la mappatura è ormai abbastanza precisa", specificando di non tentare "in alcun modo di riavviare i generatori enel può essere pericolosissimo oltre che assolutamente vietato".

Situazione simile a Zola, il sindaco Stefano Fiorini riferisce che "purtroppo i disservizi per i cittadini di Zola continuano a causa del fatto che i tanti generatori installati sul territorio devono essere gestiti e riforniti di carburante".
Questi apparati - spiega il primo cittadino - "sono sigillati, segregati e possono essere manipolati solo da ENEL o da persone preposte dalla stessa a tale compito". Quindi il monito ad Enel: "credo debba richiedere un aiuto ad una organizzazione preparata alle situazioni di emergenza come ad esempio il Genio Militare che poteva essere utile e lo potrà ancora nei prossimi giorni o settimane, perchè un conto è la risposta emergenziale di questi giorni un conto è ripristinare centinaia di linee, tralicci o centraline sull'intero territorio regionale. Servono persone o mezzi speciali che ENEL ormai è evidente non dispone."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neve, 6 giorni dopo "Big snow" ancora criticità sulle strade e famiglie senza corrente

BolognaToday è in caricamento