Tir bloccati: supermercati sguarniti, verso la chiusura anticipata

Fermo delle consegne a supermercati e Ipercoop. "Potrebbero scarseggiare freschi, farina e sostituti del pane" così Coop Adriatica che però tranquillizza "nessuna speculazione sui prezzi"

Bloccate dalla notte scorsa le consegne a supermercati e Ipercoop di Bologna. Disagi simili anche della Romagna, delle Marche, l'Abruzzo e, in parte, il Veneto. E' la conseguenza dovuta al maltempo che si sta abbattendo sull'Italia - in particolare, sulle regioni del centro e adriatiche - e al blocco del traffico pesante deciso da diverse Prefetture.

SUPERMERCATI SVUOTATI .Già nei giorni scorsi i negozi di generi alimentari erano stati presi d'assalto, con la tregua dal maltempo la situazione sugli scaffali si era ripristinata ma potrebbe verificarsi disagi in questo weekend i allerta meteo. "Potrebbero scarseggiare - allerta Coop Adriatica - prodotti soprattutto freschi, come ortofrutta e latticini, ma anche alimenti conservati come la farina, i sostituti del pane e i prodotti per la prima colazione, andati a ruba nei giorni scorsi, e per i quali si è già fatto ricorso alle scorte di magazzino".
Attraverso una nota divulgata dalla cooperativa, se nelle prossime ore si verificheranno forti nevicate "é probabile che alcuni supermercati e ipercoop di Coop Adriatica possano chiudere in anticipo, per l'impossibilità di assicurare un servizio adeguato ai consumatori e per permettere ai lavoratori di rientrare a casa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PREZZI. Ad ogni modo, a giudizio di Coop Adriatica, l'emergenza neve "non sta avendo impatti significativi sui prezzi dei generi alimentari freschi e conservati" nei suoi punti vendita. "Acquistiamo la maggior parte di questi prodotti direttamente dai produttori e dalle loro cooperative e consorzi - spiega il direttore generale alla gestione, Tiziana Primori - e dunque riusciamo a non subire le speculazioni in corso, grazie a rapporti consolidati e stabili con i fornitori locali delle regioni di produzione" nonostante una riduzione di circa il 20% della produzione di ortofrutta nazionale disponibile nei punti vendita. Rispetto a fine gennaio, solo alcune varietà di verdure prodotte in campo, e dunque danneggiate dal gelo, stanno subendo oscillazioni più marcate.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 7 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus, mascherine gratuite: ecco come sarà la distribuzione in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, la madonna di San Luca uscirà per benedire Bologna, pianura e montagna

  • Coronavirus, la Regione Emilia-Romagna dà tre milioni di mascherine gratis a tutti i cittadini

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 4 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino del 9 aprile: +443 contagi, ancora 82 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento