Al Dall'Ara per Nicole, la mamma: "Fino alla fine non ha mai smesso di combattere contro la malattia"

La ragazzina amava la vita, il mare e il Bologna FC. Più di 1000 persone si raduneranno sul prato dello stadio in suo ricordo e per solidarietà

Nicole Perera

“Non mollare mai” era il motto di Nicole Perera, la 22enne portata via da un tumore al cervello lo scorso gennaio. Ma lei, dagli occhi grandi e la forza di un leone, la sua battaglia l’ha vinta, lasciando a tutti una grande testimonianza: non arrendersi nonostante il dolore e la paura. Con lo sguardo dolce di una bambina ma la grinta di un adulto, per 4 anni ha combattuto con tutte le sue forze, non abbandonando mai né la scuola né la sua più grande passione: il Bologna. Un amore grande, tanto da andare a vedere le partite nella ‘sua curva’ nonostante la malattia o la sedia a rotelle. E non è un caso se venerdì 28, tutto lo stadio sarà in piedi per Nicole. L’associazione Bimbo Tu Onlus infatti, in collaborazione con il Bologna FC, ha organizzato una serata speciale: una cena sul manto erboso del dell’Ara, per tenere vivo il ricordo di Nicole e il grande obiettivo di continuare a lavorare senza sosta per dare ospitalità gratuita alle famiglie che affrontano lunghi ricoveri lontano da casa, così come è nella missione dell’associazione. In vista dell’evento, al quale parteciperanno non solo dirigenti e giocatori del Bologna, ma anche personaggi dello spettacolo come Gene Gnocchi e cantanti, tra i quali Luca Carboni, abbiamo intervistato la mamma di Nicole, Franca Guerzoni, che con orgoglio spiega: “Nicole era una ragazza speciale, si faceva voler bene da tutti. Era molto dolce, ma dal retrogusto amaro. Era schietta, sincera e durante tutto il calvario era lei a darci forza. Abbiamo saputo della malattia dopo due giorni dal suo 18esimo compleanno, il sabato sera eravamo a festeggiare e il lunedì la notizia che ci ha stravolto. Ma sono fiera di lei, lo sono sempre stata”.

Nicole aveva una grande passione per il Bologna, e adesso un evento solo per lei al dall’Ara…

“Era una super tifosa e un’abbonata. Quando poteva seguiva la squadra anche in trasferta ed è sempre voluta andare allo stadio, che chiamava la sua ‘seconda casa’. Continuava ad andare in curva nonostante fosse in sedia a rotelle, il pensiero di lasciare il suo posto e andare in una tribuna per stare più comoda proprio non la sfiorava. Lei ha continuato, per come ha potuto, la sua vita nonostante la malattia e le ricadute, aveva una forza incredibile e quando il presidente di Bimbo Tu ci ha detto che aveva in mente questo evento ci ha spiazzato. Ho provato forti emozioni, grande orgoglio e ho dovuto riprendere fiato. Nicole amava quel prato e l’odore dell’erba, e adesso saremo lì, tutti insieme per lei. E per questo voglio ringraziare tutti, società, giocatori e organizzatori. Alcuni calciatori sono andati a trovare Nicole anche in ospedale. Per gli altri era solo qualche minuto, ma per lei sono stati attimi impagabili”.

L’incontro con Bimbo Tu quando è avvenuto?

“Nicole era al Bellaria e lì inevitabilmente abbiamo incontrato questa splendida realtà. Quando ha scoperto il tumore era neo-maggiorenne, una fascia d’età che è un po' un limbo, era grande ma ancora una bambina, e tutta l’assistenza che ci è stata fornita è stata eccezionale. Dai medici agli infermieri ai volontari, una vera grande famiglia. Non possiamo dire assolutamente nulla a riguardo. Tutti hanno fatto il possibile, tutti i giorni, fino alla fine, così come Adam, il suo grande amore che nell’ultimo anno le ha dato quella felicità e forza che nessun altro poteva donarle”.

Chiunque conosceva Nicole dice che ha lasciato una forte testimonianza...

“Nicole era la prova di forza e coraggio, tenacia e dolcezza. Lottava perché voleva rivedere il mare,  si alzava e andava a scuola perché la maturità era importante e non ha mai voluto aiuti o privilegi. ‘Non mollare e non arrendersi mai’ era il suo motto, Lei era ed è un esempio, per capire che la vita è importante e che nonostante le avversità bisogna andare avanti. Il suo modo di affrontare la malattia e la sua vivacità sono stati un esempio per tutti. Non aveva vergogna di dire che aveva un tumore al cervello, e ha sempre affrontato tutto con grande coraggio”.

Cosa vuole dire a chi vive o ha vissuto il suo stesso calvario?

“E’ difficile, molto. Non ci sono consigli da dare ma sicuramente non bisogna passare il tempo a cercare una spiegazione, perché una spiegazione non c’è. E’ necessario solo lottare, andare avanti, dare forza e farsi tanto coraggio. Non c’è un perché, ma una cosa voglio dirla a tutti coloro che hanno figli in salute e danno le cose per scontate. La vita è una, e ogni attimo è importante, ogni momento è fondamentale. Fa male vedere genitori assenti o che non si curano dei propri bambini. E’ necessario prendere coscienza del valore della vita e farne tesoro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Crescentine, la ricetta

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Laghi a Bologna: dove rinfrescarsi lontani dal caos

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

Torna su
BolognaToday è in caricamento