Nidi, 919 bimbi in attesa. Merola riapre iscrizioni al Vestri e al Roselle

Lunghe liste d'attesa per le iscrizioni ai nidi, Marani: "Opera demolitoria del Governo sull'istruzione, denunciamo". Intanto il sindaco riavvia graduatorie ai nidi che la Cancellieri decise di chiudere

La ricognizione effettuata dalla Provincia di Bologna rileva una lista d'attesa per la scuola dell'infanzia di ben 919 bambini dai 3 ai 6 anni". Lo sottolinea la consigliera regionale, Paola Marani, all’indomani del lungo sciopero della fame sostenuto da genitori e insegnanti in protesta contro i tagli all’istruzione pubblica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attraverso una nota la consigliera denuncia: "Le richieste delle famiglie si riverseranno su Regione, Province e Comuni, già duramente colpiti dai tagli del Governo". "Non arrenderci - esorta Marani - e far di tutto perché il Governo non continui l'opera demolitoria nei confronto del diritto all'istruzione e all'educazione dei nostri ragazzi: occorre denunciare con forza".

RIAPERTE LE ISCRIZIONI - E proprio nelle stesse ore arriva la decisione del neo Sindaco, Virginio Merola, che comunica: "Dopo un confronto con i settori competenti ho deciso di dare mandato al Settore Istruzione di riaprire le iscrizioni agli asili nido Roselle (quartiere Savena) e Vestri (quartiere San Donato)”.
Primo atto, dunque, in controtendenza rispetto a quanto deliberò l’allora Commissario, che riteneva di dover chiudere per il prossimo anno entrambe le scuole di infanzia.
“Nido Roselle insicuro” secondo Anna Maria Cancellieri, che affermò categorica “non transigo sulla sicurezza dei bambini", infatti il la struttura sarebbe dovuto rimanere chiusa per lavori di ristrutturazione fino al 2013, “per essere ricostruito secondo i nuovi standard”.
 
Poi il Commissario fece retro-front, sospendendo la decisione e rimettendola nelle mani della futura amministrazione. L'allora candidato sindaco Merola ne gioì, lui stesso infatti chiese fortemente di non chiudere il Roselle. E oggi, dalla polrona di palazzo D'Accursio, ha mantenuto fede al suo impegno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Prezzi case a Bologna: la mappa zona per zona

Torna su
BolognaToday è in caricamento