menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cda Hera, Aitini fa dietrofront: 'Ma sindaci con me'

L'esponente dem aveva raccolto attorno a sè diversi sindaci dell'hinterland metropolitano, ma il Sindaco Merola aveva annunciato il suo sostegno al già consigliere Forte Clò

Dopo un weekend ad alta tensione nel Pd, Alberto Aitini getta la spugna: il numero due di Francesco Critelli nella federazione di Bologna non entrerà nel Cda di Hera. "In merito alla nomina del Consiglio di amministrazione di Hera Spa- afferma lo stesso Aitini in una nota- era stata chiesta da diversi sindaci e amministratori del territorio metropolitano la disponibilità ad interpretare un indirizzo di innovazione e cambiamento in seno al suddetto organismo".

A fronte di ciò che il democratico definisce una "discussione sbagliata e pericolosa trattandosi di una società quotata in borsa che coinvolge azionisti e cittadini" occorre "agire non con logiche divisive ma con spiccato senso di responsabilita'". Per questa ragione, annuncia, "ritiro la mia disponibilità a far parte del futuro Cda di Hera Spa". Aitini ringrazia la "maggioranza dei sindaci che si era espressa favorevolmente sul mio nome ma il rispetto per il buon governo del nostro territorio viene prima di qualsiasi altra riflessione". (Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I Giardini Margherita, tra tesoretti e sorprese inaspettate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento