Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Via Villanova, 13

Il caso Novotel S. Lazzaro approda in Provincia: nulla di fatto, si chiude

Incontro istituzionale a Palazzo Malvezzi: confermata la chiusura il 20 dicembre. Non è stata accolta la proposta di sgravi fiscali per posticipare a primavera 2014. I dipendenti continuano lo stato di agitazione

I dipendenti a Palazzo Malvezzi

Il caso Novotel-San Lazzaro arriva sui tavoli della Provincia. Un incontro a Palazzo Malvezzi tra l'assessore alle attività produttive Graziano Prantoni, il sindaco di Castenaso Stefano Sermenghi, il referente sindacale Filcams-Cgil Andrea Carrà, i delegati Novotel e, per il gruppo Accor Italia, il direttore del personale Dionigio Orlandi Venturelli. 

Riconfermata la chiusura dello storico albergo il 20 dicembre e gli sgravi fiscali proposti dal sindaco di Castenaso Sermeghi, per un posticipo dello stop alla struttura almeno fino ad aprile-maggio 2014, non è stata accolta da Accor. 

"Il turismo a Bologna è aumentato miracolosamente in questi ultimi mesi - si legge nella nota diffusa dai dipendenti Novotel - Ryainair prevede nuovi low-cost e la struttura è davvero interessante, sia dal punto di vista logistico, che come tipologia", ovvero è l'unica sul territorio con piscina olimpionica e quattro campi da tennis "ma tutto questo per Accor pare non abbia importanza". 

La buonuscita, in prima istanza 5.000 per ogni dipendente, sarebbe aumentata "ma siamo ancora lontano". Previsti dunque altri scioperi ed agitazioni "perchè i dipendenti sottolineano l'enorme danno subito, considerando anche il loro reinserimento nel mondo del lavoro". 

"Di fronte a queste briciole ci preme far notare che Accor non ha però trovato alcuna difficoltà a versare alcuni milioni di euro di penale alla proprietà per la rescissione anticipata del contratto" fanno notare i lavoratori".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caso Novotel S. Lazzaro approda in Provincia: nulla di fatto, si chiude

BolognaToday è in caricamento