Covid, Ministro Speranza: "Stato d'emergenza fino al 31 gennaio, mascherine anche all'aperto"

Si comincia a delineare il contenuto del nuovo DPCM

Lo stato di emergenza per covid è prorogato fino al 31 gennaio 2020. Lo ha confermato oggi, 6 ottobre, il ministro della salute Roberto Speranza, riferendo in Senato. 

Per Speranza, lo slittamento dello stato di emergenza "corrispondente pienamente alla fase epidemiologica che stiamo attraversando - una - impalcatura che ci ha consentito di gestire la fase fino ad ora - quindi con i ruoli di - protezione civile, commissario straordinario, e ruolo del comitato tecnico-scientifico". 

Si comincia dunque a delineare il contenuto del nuovo DPCM - Decreto Presidente del Consiglio dei Ministri. "Stiamo valutando l'obbligo delle mascherine anche all'aperto" con maggiori controlli sugli assembramenti, ha detto il titolare della salute. 

Covid e sport, Bonaccini: "Mille negli stadi, capienza ridotta per teatri e palazzetti"

Il 7 ottobre si terrà dunque, prima un Consiglio dei Ministri, e poi l''incontro con le Regioni, come confermato anche dallo stesso presidente Bonaccini. 

Coronavirus, bollettino 6 ottobre: +172 positivi, il maggior numero di casi a Bologna

“Nel Dpcm che ci accingiamo ad adottare valutiamo l’estensione dell’obbligo dell’utilizzo delle mascherine anche all’aperto. Diciamo ai cittadini del nostro Paese che dobbiamo fare uno sforzo in più – ha detto Speranza in Senato - perché in ogni situazione in cui c’è il rischio di incontrare persone non conviventi, c’è la necessità di usare queste mascherine. I dati della diffusione del contagio delle ultime ore e degli ultimi giorni segnalano che la stragrande maggioranza di questi contagi avviene dentro relazioni consolidate delle persone, dentro relazioni amicali, dentro relazioni strette, dentro relazioni familiari. Abbiamo allora la necessità di dare questo messaggio molto forte: quando si ha a che fare, quando si incontrano persone con cui non si convive- ha concluso- l’utilizzo della mascherina è il primo strumento essenziale”.

“Lavoriamo per aumentare i livelli dei controlli perché gli assembramenti sono un rischio reale che non possiamo permetterci”, anticipa Speranza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Divieto spostamenti Natale, Bonaccini: "Rischia di isolare chi vive in un piccolo comune"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Covid, a Natale tutte le regioni in zona gialla? Bonaccini: "Aprire anche bar e ristoranti"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento