Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Navile / Via Aristotile Fioravanti

Maxi occupazione Via Fioravanti: 'Se dormi in stazione, prima poi trovi il coraggio di occupare'

Numeri imponenti quelli della nuova occupazione SocialLog: "Molti gli italiani, la maggior parte ha perso il lavoro e non ha potuto pagare più l'affitto: piccoli artigiani, ex facchini, ex muratori, tutte quelle persone che il Piano Casa del Governo Renzi vuole scacciare"

Tante storie diverse quelle dei quasi 300 occupanti l'ex palazzo Telecom in via Fioravanti, di fronte alla nuova sede del Comune di Bologna. 76 famiglie, con oltre 100 minori, sono entrate ieri nell'enorme stabile, con il supporto dello sportello SocialLog: "Molti gli italiani, la maggior parte ha perso il lavoro e non è riuscita a trovare alternative, non ha potuto pagare più l'affitto ed è finita sotto sfratto: piccoli artigiani, ex facchini, ex muratori, tutte quelle persone che il Piano Casa del Governo Renzi vuole scacciare, volta le spalle ai poveri, mentre incentiva la vendita del patrimonio pubblico dando investimenti alle banche e alimentando le tasche dei privati - dice Francesco di SocialLog a Bologna Today "chi perde casa, può andare in stazione a dormire per qualche mese, è difficile non trovare il coraggio di occupare quando, prima di andare a scuola, porti i figli a lavarsi nei bagni della stazione".  (GUARDA IL VIDEO)

Lavori e pulizie in corso, nella struttura abbandonata e più volte passata di mano: "Dalla Telecom, alle fondazioni, ora dovrebbe essere in mano al Gruppo Maccaferri (colosso delle costruzioni - ndr)" ci dice Luca di SocialLog che ci guida all'interno del complesso vuoto e dismesso da anni "stiamo pulendo e organizzando il dormitorio, è bello vedere gente di tutte le nazionalità convivere". Cosa diventerà questo enorme spazio? "Forse aspetteranno la riqualificazione del quartiere, così i prezzi si alzeranno".

Non si sottraggono alle domande e alla telecamera: "Non ho problemi, non ho fatto niente di male" dice un egiziano 44enne che tutti conoscono con il nome di Gigi "non ho figli, io e mia moglie siamo stati sfrattati, non ho trovato una soluzione diversa, non voglio una villetta, solo una stanza per dormire". E' in Italia da 15 anni e ha perso il lavoro un anno fa: "Ho trovato solo il sabato e la domenica, per mangiare, poi non c'è altro".

Sorprendentemente tra i "nuovi poveri" anche cinesi, ma non è la prima volta: Bologna Today aveva già incontrato altre famiglie in via Mura di Porta Galliera, altro palazzo occupato a giugno scorso: "Non ho lavoro, non ho soldi e non ho casa" ci dice una 38enne in Italia di 5 anni "ho due figli di 5 e 10 anni". (GUARDA IL VIDEO)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi occupazione Via Fioravanti: 'Se dormi in stazione, prima poi trovi il coraggio di occupare'

BolognaToday è in caricamento