Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Corticella-Dozza / Via Ferrarese

Omicidio via Ferrarese, Mazzoni: "Atto violento che colpisce la nostra comunità"

La presidente del quartiere esprime il suo cordoglio dopo l'uccisione di Roman Matvieiev e il fermo di 38enne

QUI PER ISCRIVERSI AL CANALE WHATSAPP DI BOLOGNATODAY

"Esprimo il mio cordoglio alla famiglia e agli amici di Roman Matvieiev, tragicamente ucciso in casa sua venerdì sera, in via Ferrarese. Un atto così violento colpisce la nostra comunità". Così la presidente del quartiere Navile, Federica Mazzoni, dopo l'omicidio del 40enne e quindi il fermo di un cittadino ucraino di 38 anni con precedenti penali

"In questo momento desidero ribadire la nostra piena fiducia nel lavoro delle Forze dell'ordine - continua Mazzoni -  delle autorità investigative che stanno lavorando per ricostruire la vicenda. La sicurezza e la serenità dei nostri cittadini sono priorità fondamentali per il nostro quartiere. Continueremo a collaborare strettamente con le autorità competenti e per quanto ci compete per garantire vivibilità e coesione sociale", conclude la presidente. 

L'aggressione

Dalle ricostruzioni emerge che il 38enne era venuto a conoscenza della relazione tra Matvieiev e la moglie. Qualche discussione, poi venerdì sera il presunto assassino sarebbe arrivato a casa di Matvieiev con una grossa chiave inglese, lo avrebbe aggredito lasciandolo in fin di vita su una sedia. Ferito alla testa e su tutto il corpo. Così lo ha trovato il coinquilino che ha chiamato i soccorsi. 

Le indagini 

La Scientifica ha trovato impronte che sarebbero riconducibili al 38enne, ma sono stati decisivi i filmati delle telecamere di sicurezza che hanno inquadrato l’uomo arrivare in via Ferrarese e lasciare il condominio con delle vistose macchie di sangue sul braccio. Dopo 24 ore dall’omicidio, l’indagato è stato rintracciato e sottoposto a fermo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio via Ferrarese, Mazzoni: "Atto violento che colpisce la nostra comunità"
BolognaToday è in caricamento